Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/379

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Qui il poeta finge che nel più bello del canto il suo gondoliere è costretto interromperlo perchè voltando il cantone debbe dare il solito avviso.


CII

Beta, meti la calza a la caena,
E in canton del fogher e pan e vin;
Chè vien sta note senza falo a cena
L'Aredodese zo per el camin:
Ti trovarà doman la calza piena,
Perchè puta ti xe de bon sestin;
De fruti, rioba dolze e saoria,
La festa essendo de la Pefania.


L'Aredodese: la Befana, o Befania, ossia la Epifania.

I veneziani hanno il costume di far che i fanciulli, la sera che precede la festa dell'Epifania, appendano una calzetta alla catena del focolare, e depongano sulla predella di quello del pane e del vino, dando loro ad intendere che la Aredodese, o Befana, o Strega, nottetempo scende pel cammino, si mangia la cena ivi preparata, e

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/379&oldid=61572"