Pagina:Canti pel popolo veneziano.djvu/378

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


CI


Dormi, colona mia, dormi de gusto,
E insonia che anca mi dorma al to fianco;
Dormi i to soni quieti come el giusto,
Chè mi per amor tuo sfadigo e ranco:
Ma no patisso perchè son robusto,
Nè le strussie me pol far vignir manco:
Dormi tesoro mio, colona mia...
Doman se vedaremo... stali... sìa!


Un barcajuolo notte tempo canta questa villotta nel passare sotto i balconi della sua amorosa:

Colona mia: frase energica, che equivale a mia gloria, mio sostegno.

Chè mi per amor tuo sfadigo e ranco; che per amor tuo mi affatico nell'arrancare.

Stali... sìa.... voci convenzionali che i barcajuoli si danno reciprocamente al voltar di qualche rivo, per non urtarsi barca con barca: stali vuol dire, piega sullla diritta: premi, piega sulla mancina, e sìa ferma, la barca.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Canti_pel_popolo_veneziano.djvu/378&oldid=61570"