Delle importunità de gli Amanti

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Delle importunità de gli Amanti
Satira undecima.
1671
←  A lingua maledica. Sonetto 10 Edission e fonte ▼ Vanità de gli Amanti. Sonetto 11  →
[p. 146 modifica]
DELLE IMPORTUNITA' DE gli Amanti.


SATIRA UNDECIMA.


TAco, Amanti, con vù la garbinela:
     La lanza impugno, e sbasso la visiera,
     Donca aspeteme pur, che de cariera
     4Vegna adesso a investirve. Ecome in sela.

El vostro veramente è un bel zambelo!
     V'osservo per el più privi d'inzegno,
     E titolo portar d'Homini indegno.
     8Ghe n'è pochi in amar ch'abia cervelo.

No' digo no, ch'amor sia da biasimarse:
     Che biasmar no' se puol ben de Natura.
     Digo ch'havè d'honor poca premura.
     12D'ogni passion bisogna despogiarse.

No' increspo miga el fronte, o storzo el viso.
     Sò che col Mondo hà principià l'usanza.
     In peto human quanta habia amor possanza,
     16El sò anche mi: no' me la togio in riso.

[p. 147 modifica]


Sò anche mi che ligame è Amor del Mondo,
     Che unisce, e strenze ogni elemento insieme.
     Sò ch'Amor d'ogni cossa è fonte, e seme
     20Abondante, frutifero, e giocondo.

Sò anche mi che spianar le ruvidezze
     Puol'Amor de l'inzegno, e del costume:
     E, co'l portarghe intendimento, e lume,
     24Dela mente sgombrar le stolidezze.

Sò che Cimon, per Ifigenia vaga,
     Polì l'inzegno, e del valor fè acquisto;
     E'l portento mirabile fu visto
     28Farse in virtù d'una amorosa piaga.

Donca respondè pur, se Amor ve chiama;
     Ne mai da mi sarè biasmai per questo:
     Che a bastanza m'è noto, e manifesto,
     32Chi no'n'è cuor zentil cuor, che no'n'ama.

Reprendo el modo solamente, e digo,
     Che incontrè volontarij el proprio dano;
     Che sè ministri d'ogni vostro afano;
     36Che perdè i pali, e che voghè in caligo.

[p. 148 modifica]


E come acquisto voleu far de i cuori,
     Se, per mezane, adoperè l'insidie?
     Se in efeti d'ingani, e de perfidie,
     40Per el più, se resolve i vostri amori?

Dota a costo d'Olimpia, e d'Ariana,
     Per guardarse da i Tesei, e da i Bireni,
     Mete chi è savia a i desiderij i freni,
     44E ben'acorta, i mal'acorti ingana.

No' se puol dir che amè, per voler ben,
     Ma solamente amè, per far del mal;
     E de chi ve tien terzo e'l cavedal
     48Nutrirse per el più Vipere in sen.

Purche a l'orbesca empì le vostre brame,
     No' ve curè de caminar su'l trozo
     Del'honestà, ne dà a la fede alozo
     52Peto, ch'e pien d'ingiuriose trame.

Amè in bon'hora, e a la rason dè liogo;
     Ne ve dè solamente in preda al senso:
     E, se de trar bramè cuori in consenso,
     56Fè che resta secreto el vostro fuogo.

[p. 149 modifica]


Ve par che staga ben quel far palesi
     Vezzi, tratati, letere, e discorsi,
     Strete man, pizzegoni, e i lioghi forsi
     60Anca acenar, per esser megio intesi?

Ve par ben fato quel'empir le Piaze
     De promesse adempie, de acordi niovi?
     Come xè schiozzi in quele teste i vuovi!
      64Sè che savè inventar favole, e strazze.

Queste de farve amar xè le maniere?
     Queste è le vie de guadagnarse afeti?
     Forme le chiamo, ate a produrse efeti
     68D'odio, e a tirarse a pie zape, e manere.

Come voleu che Dona in vù se fida,
     Se chi se fida in vù se mostra a deo?
     Se la Cità, per vi, fata un Caneo,
     72L'agiere empì, come el Barbier de Mida?

Tasè; no' sbampolè: tegnì secreto:
     Fè stima de l'honor de chi ve invogia:
     Servì; sofrì; ne scherzè mai, che dogia,
     76E sia el vostro servir savio, e discreto.

[p. 150 modifica]


Le parole tegnì dentro de i denti:
     Che solo con modestia amor se acquista:
     Che, se no'n'è senza vergogna, e trista,
     80No' puol Dona gradir trati insolenti.

Vù fè al contrario: e parè aponto Gati
     Per i copi in amor, che sgnaola, e rogne;
     E fè tante monae, tante mignogne,
     84Che chi hà cervel, no' vuol trescar co i Mati.

Ma che? de i Gati ancor pur fè pezo.
     Se i fà sporco, i coverze; e và in sti casi,
     Mandè l'odor per tuti quanti i nasi,
     88E a tegnerve in dover qual ghe xè mezo?

No' gh'è perdon, solenità, ne Festa,
     Che no' se veda importunae le Done;
     E, con empirle de fandonie, e schione,
     92Con gran rossor ghe fè sbassar la testa.

Oh al mal d'Amor solecito remedio
     Bisogna dar! Stà ben, ma con sodezza,
     Con rason, con cervel, con discretezza,
     96E nò con sbampolae, ne con assedio.

[p. 151 modifica]


Gh'è certi de zibeto scatolini,
     Che con chioma odorosa, e profumada;
     Credendo esser d'un cuor prezio ogni ochiada,
     100Và spendendo l'ochiae più che i quatrini.

Quante i tien cartoline in sui cavei,
     Per incresparli, e far mostra più bela!
     E và col peteneto in la scarsela,
     104De cuori in trazza, a far conti sù i dei!

Le Chimere stà in pie. Belerofonti
     No' se ne vede più. Manca i Giosefi.
     Hipoliti no gh'è. Mile sberlefi
     108Continenza receve, e mile afronti.

O Dio! come i stà tesi, e se ingaluzza!
     Come i spua! come i parla in ponto, e coma!
     Come i stà con la man sempre ala chioma!
     112Come da muschio, e d'acqua nanfa i puzza!

Pur finalmente questi hà qualche scusa;
     Mentre in lori l'età no' sia perfeta.
     Se proprio el seno è de l'età proveta,
     116Questa donca assae più biasma la Musa.

[p. 152 modifica]


Che bel veder Zerbini in bianco pelo
     Ale pile puzai de l'acqua santa!
     O che vezzosi Adoni, oltra i quaranta,
     120Da invaghir più che mai Venere in Cielo!

No' ve sia donca amara cossa, e garba,
     Se vien la vanità vostra derisa:
     Che no' s'acorda ben zazzara grisa
     124Con frascarie d'Amor, ne tenta barba.

No' se biasma però, ne se reprende
     Quel, che de far ve agrada a stride quiete.
     Vechio amante anche puol caute, e secrete,
     128Quando hà forte in amor, far le facende.

Le Danae visitè dentro le Tore,
     Ne metè mai, per cavalcar, speroni:
     Che ben se vede, ò inamorai Titoni,
     132Rare volte con vù scherzar le Aurore.

Come despiase mai le petulanze!
     Come da chi è sfazzà tuti se schiva!
     Come voleu che a fausta meta ariva
     136Le presonzion, le audacie, e le aroganze?

[p. 153 modifica]


E quele zelosie spropositae,
     Quel voler de le Done el colo al zovo,
     Con quel tanto cercar peli in tel vuovo,
     140Fà pur dar la pazienza in le scartae!

Chi no' ve manderave al bon viazo?
     Chi no' ve tegneria magri, e dezuni,
     Con quel'esserghe a lai tanto importuni,
     144Ne mai fenirghe de tetar de mazo?

Oh, chi no' n'è zeloso (altri puol dirme)
     Xè credibil che amante anca no' sia.
     Sò che s'unisce Amor con zelosia,
     148No' ocor che vogia questo altri avertirme.

Ma sò che sto mestier vuol destro modo.
     E che'l cervel bisogna haverlo in cassa:
     Che chi del bater la misura passa,
     152Crede ficar, ma storze, o rompe el chiodo.

O g'havè fede, o nò. Se g'havè fede,
     No' vedeu che sè mati a no' fidarve?
     E più che mai sè mati a lamentarve
     156De chi savè, che infedeltà possede.

[p. 154 modifica]


Osservè, se ve par; ma destramente,
     Senza dar brighe, e senza far schiamazzi:
     Perche'l volerse tior dacij d'impazzi,
     160Xè un voler tuto, e no'n'haver mai niente.

S'altri le osserva, le guardè in cagnesco,
     Moltiplicando l'un per cinque, o sie;
     E podè tior el trato, in far pazzie,
     164A Don Chisciote Cavalier Mancesco.

Meschini vù! Sè pur mal'avertij
     A far veder mustazzi ingalbanai,
     Narise revelie, fronti ingrespai,
     168Teste, che scorla i vuovi, ochi sborij.

Chi sente certi scrupoli, e cavili
     Sù cosse, che no' monta do fritele,
     E far agiade, e false a bagatele,
     172De far del mal ghe salta suso i grili.

Se i ochi volè avrir, serè la boca,
     Ne una Mosca vogiè farla un Cavalo.
     Spesso colpì con la credenza in falo,
     176Quando credè più de tirar in broca.

[p. 155 modifica]


Vù sè mati le Done a intimorirle
     Con sbampolae: sè mati a tormentarle
     Con zelosie: sè mati à soportarle
     180Con le bassezze, e mati a insuperbirle.

Tropo è viltà quel far d'ogn'herba fasso,
     E sugetar le brame, e farle schiave,
     Per obedirle, anca in le cosse prave,
     184E'l libero voler mandarlo al chiasso.

Come ve contenteu ch'altri ve togia
     Quel, che'l medemo Dio tior no' ve vuol?
     Dove è 'l vostro inteleto, e chi ve'l tiol?
     188Chi ve ofusca el cervel? chi ve l'imbrogia?

Come possio lassar de publicarve
     Per teste sceme, e de pazzia ben piene?
     Gran stolidezza, ò Dio! corde, e caene
     192A bastanza no' gh'è mai per ligarve.

Volè cussì, ben meritè ogni pena,
     Che Bufali menai sè per el naso;
     E sè guidai, dove comanda el caso,
     196Credudi (ò gran vergogna!) homini a pena.

[p. 156 modifica]


Adulè: v'avilì. Fata superba,
     Per le vostre pazzie, Dona ve sprezza;
     E ve mete ala fin morso, e cavezza,
     200Quasi degni d'haver pascoli d'herba.

Diseghe pur che le sia vostri Cieli:
     Ve'l credo, se per vù folgori casca,
     E spesso havè qualche fatal borasca,
     204Che fà cascarve, per angossa, i peli.

Deghe titoli pur de vostre Dive:
     Ve'l credo; se per vù no' ghe xè scale,
     Che ariva al Cielo; e se le vostre spale,
     208Per tant'alto svolar, d'ale xe prive.

Vanteve pur che le sia vostri Soli:
     Ve'l credo; se a guardarle orbi sè resi,
     E quai noturni Osei, dal lume ofesi,
     212Frà tenebre stè dereliti, e soli.

Dè pur nome de stele a le pupile:
     Certo sì; ma per vù note è ben spesso,
     E piove da quel lucido convesso
     216Influenze per vù poco tranquile.

[p. 157 modifica]


Cantè che late è quele galte, e riose:
     Certo sì; se per vu ponze le spine,
     E tra le fronde, a machinar ruvine,
     220Ben spesso anca trovè Vipere ascose.

Chiamè quei lavri pur tersi corali:
     Perche nò? Se d'amor l'ansia ben granda,
     Che havè, cordial remedio ve domanda,
     224Xè segnal che maligni è i vostri mali.

Chiamè quel denti pur splendide perle:
     Perche nò, se cussì spesso la pesca
     Ve tira là, dove el splendor ne inesca,
     228E in quel Mar sè anegai, prima d'haverle?

Feghe el cavel qual del Molton de Frisso
     La lana fu, che più che piombo otuso
     L'inzegno havè; se, per mandarle in suso,
     232De i disprezzi piobè sempre a l'Abisso.

Chi xè quei, che no' stima finalmente
     L'Aquile più, che i Barbazani, e i Gufi?
     Chi xè d'inzegno, e de cervel sì cufi,
     236Che s'opona, e sentir vogia altramente?

[p. 158 modifica]


Forsi dirè: per Iole el gran Tirinto
     Se condusse a tratar la roca, e'l fuso.
     Sì, ma ala fin l'hebe in horor quel'uso,
     240E trasse fuora el pie dal Labarinto.

Forse dirè: Sanson per la Muchiachia
     Se lassè tior el pelo, e'l lume perse.
     Sì, ma ala fin, con forte man, converse
     244L'ira a vendeta, e lavè zò la machia.

Forsi dirè, che'l bon Campion Rinaldo
     Se condusse sù l'herba in sen d'Armida.
     Sì, ma ala fin l'hebe rason per guida,
     248E scosse el zovo, al comparir d'Ubaldo.

L'Homo (se pur el vuol) desfa, e no' cura
     Magici incanti, e torna a sì medemo,
     Pur ch'afato no'l sia de mente scemo:
     252Ch'anca l'arbitrio i Diavoli sconzura.

Ma a refolae no' sò inacar la cegia,
     E in condanar no' son tanto severo.
     Qualche volta anca dorme el bon'Omero:
     256Che possibil no'n'è star sempre in vegia.

[p. 159 modifica]


Guardeve pur dal far l'habito pravo,
     E in secreto corè le vostre lanze.
     Digo però, per terminar le zanze,
     260Che in amor chi è poltron sempre xè bravo.