Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/171

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Cantè che late è quele galte, e riose:
     Certo sì; se per vu ponze le spine,
     E tra le fronde, a machinar ruvine,
     220Ben spesso anca trovè Vipere ascose.

Chiamè quei lavri pur tersi corali:
     Perche nò? Se d'amor l'ansia ben granda,
     Che havè, cordial remedio ve domanda,
     224Xè segnal che maligni è i vostri mali.

Chiamè quel denti pur splendide perle:
     Perche nò, se cussì spesso la pesca
     Ve tira là, dove el splendor ne inesca,
     228E in quel Mar sè anegai, prima d'haverle?

Feghe el cavel qual del Molton de Frisso
     La lana fu, che più che piombo otuso
     L'inzegno havè; se, per mandarle in suso,
     232De i disprezzi piobè sempre a l'Abisso.

Chi xè quei, che no' stima finalmente
     L'Aquile più, che i Barbazani, e i Gufi?
     Chi xè d'inzegno, e de cervel sì cufi,
     236Che s'opona, e sentir vogia altramente?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/171&oldid=62829"