Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/165

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Gh'è certi de zibeto scatolini,
     Che con chioma odorosa, e profumada;
     Credendo esser d'un cuor prezio ogni ochiada,
     100Và spendendo l'ochiae più che i quatrini.

Quante i tien cartoline in sui cavei,
     Per incresparli, e far mostra più bela!
     E và col peteneto in la scarsela,
     104De cuori in trazza, a far conti sù i dei!

Le Chimere stà in pie. Belerofonti
     No' se ne vede più. Manca i Giosefi.
     Hipoliti no gh'è. Mile sberlefi
     108Continenza receve, e mile afronti.

O Dio! come i stà tesi, e se ingaluzza!
     Come i spua! come i parla in ponto, e coma!
     Come i stà con la man sempre ala chioma!
     112Come da muschio, e d'acqua nanfa i puzza!

Pur finalmente questi hà qualche scusa;
     Mentre in lori l'età no' sia perfeta.
     Se proprio el seno è de l'età proveta,
     116Questa donca assae più biasma la Musa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/165&oldid=62822"