Pagina:Il vespaio stuzzicato.djvu/161

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Sò anche mi che ligame è Amor del Mondo,
     Che unisce, e strenze ogni elemento insieme.
     Sò ch'Amor d'ogni cossa è fonte, e seme
     20Abondante, frutifero, e giocondo.

Sò anche mi che spianar le ruvidezze
     Puol'Amor de l'inzegno, e del costume:
     E, co'l portarghe intendimento, e lume,
     24Dela mente sgombrar le stolidezze.

Sò che Cimon, per Ifigenia vaga,
     Polì l'inzegno, e del valor fè acquisto;
     E'l portento mirabile fu visto
     28Farse in virtù d'una amorosa piaga.

Donca respondè pur, se Amor ve chiama;
     Ne mai da mi sarè biasmai per questo:
     Che a bastanza m'è noto, e manifesto,
     32Chi no'n'è cuor zentil cuor, che no'n'ama.

Reprendo el modo solamente, e digo,
     Che incontrè volontarij el proprio dano;
     Che sè ministri d'ogni vostro afano;
     36Che perdè i pali, e che voghè in caligo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Il_vespaio_stuzzicato.djvu/161&oldid=62818"