Daspuò che ti la vuol col fatto mio

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Daspuò che ti la vuol col fatto mio (Venieresca III)
XVI secolo
←  Venieresca II. Amor, méttime pur dove te piase Edission e fonte ▼ Venieresca IV. Ti va digando de portarme amor  →

Daspuò che ti la vuol col fatto mio,
Donna senza rason, mostro in natura,
Prima co 'l cuor e po co sta scritura,
De volerla co ti me invuodo a Dio,

Perché mai no ho visto né sentìo
La pi sfazzà, la pi affettà bravura
Della to diavolosa creatura,
Potta, che tuol el nome a san Mathìo.

Parécchiete de lèzzar ogni dì
Nuovi muodi de dir, nuove maniere
De romanzine tutte contra a ti.

Ne te vaia le file, anzi le schiere
De chi te chiava, perché son cusì,
Che no dirò per questo el miserere.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Daspuò_che_ti_la_vuol_col_fatto_mio&oldid=41554"