Canzon (delle strazze)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Canzon (delle strazze)
Citassion de sto testo
XVI secolo
←  Canzon (della masseretta) Edission e fonte ▼ Canzon (dei soldi)  →
Altra edizion: La Strazzosa (1817)

Amor, vivemo tra la gatta e i stizzi
In t'una ca' a pè pian,
E no vedo però che ti t'aggrizzi,
Dove e la lume e 'l pan
5Sta tutto in t'un, la rocca, i drappi e 'l vin,
La vecchia e le fassine,
I putti e le galline,
E mezzo el cavezal sotto el camin,
Dove taccà a un ancin
10Ghè in muodo de trofeo
La farsora, una scuffia e la graella,
La zucca da l'aséo,
Un cesto e la sportella,
E 'l letto è fatto d'àlega e de stoppa,
15Così avalìo che i pùlesi s'intoppa.
In pe' d'un papagà s'alieva un'occa,
In pe' d'un cagnoletto
Gh'è un porchetto zentil che basa in bocca,
Lascivo animaletto,
20Soave compagnia, dolce concerto,
L'occa, la gatta e tutti,
La vecchia, el porco e i putti,
Le galline e 'l mio amor sotto un coverto,
Ch'è in cento parte averto,
25Onde la luna, el sol,
Fa tanto più la casa allegra e chiara,
Come sotto un storuol
Sconde fortuna avara
Una zògia, una perla in le scovazze,
30Infinita bellezza in mille strazze.
El cóncolo del pan stroppa un balcon
Che n'ha scuri né vieri,
Magna in tel pugno ogn'un co fa el falcon
Senza tola o tagieri,
35Sta la famegia intorno alla pignata
A aspettar che sia cotto,
Ogn'un beve in t'un gotto,
E tutti sguazza a un bezzo de salata,
Vita vera e beata,
40Un lenzuol fa per sìe,
Che da un dì all'altro è marizzà dal fumo,
Man, brazzi, teste e pìe
Sta in t'un, tutti in t'un grumo,
Onde se vede un ordine a grotesche
45De persone, de bestie e de baltresche.
In casa, chi xe in camera xe in sala,
Chi è in sala è in magazen,
Gh'è nome un letto in t'una sottoscala,
Ove in brazzo al mio ben
50Passo le notte de dolcezza piene,
Se ben la piozza e 'l vento
Ne vien tal volta drento
A refrescar l'amor su per le rene.
Notte care e serene,
55Caro luogo amoroso,
Beltà celeste in povera schiavina.
Tògia un letto pomposo
Ch'ha dentro una Gabrina,
Che fa in lu quell'effetto un viso d'orca,
60Che in bella chebba una gazzuola sporca.
In sta ca' benedetta e luminosa
Vive poveramente
Sta mia bella d'amor cara e strazzosa,
Strazzosa riccamente,
65Che con più strazze e manco drappi intorno
Più se descovre i bianchi
E verzelai fianchi,
Com'è più bel con manco nìole el zorno,
Habito troppo adorno
70Sora perle e rubini,
Sora beltà che supera ciascuna.
Qual se fra do camini
S'imbavara la luna,
Che luse in mezzo, tal splende la fazza
75E i razzi de custìa fra strazza e strazza.
A sta beltà ste strazze ghe bisogna,
Che no se diè stroparla,
S'ha da covrir de drappi una carogna
Che stòmega a vardarla,
80Ma quella vita in st'habito risplende,
Senza industria e senz'arte,
Masizza in ogni parte,
Che né cassi, né veli il bel contende.
Carne bianche e stupende,
85Al ciel nude e scoverte
Per pompa de natura poverette,
Andé a sto muodo averte,
O collo, o spalle, o tette,
Che no se tàgia un vanto ove è l'anello,
90Se no, perché è pi bel questo de quello.
Che drappi porìa mai, se i fosse d'oro,
Covrir sì bei colori,
Che no fosse un leame in su un tesoro,
Un fango sora i fiori?
95Va pur cusì, che l' humiltà t'innalza,
Va, poveretta altiera,
Cusì co i pìe per terra,
Che ti è pi bella quanto pi descalza.
Com'el ciel me strabalza
100A una bellezza estrema,
In t'una casa che no gh'è do scuelle,
Providenza suprema
Del cielo e delle stelle,
Che xe andà a cattar fuora do despersi
105Per unir le to strazze co i mie versi!
Strazze mie care, ond'ho rivolto el cuor,
Dolce strazze amorose,
Fenestre della gratia, occhi d'amor,
Strazze fodrae de ruose,
110Che se vede a spontar tra lista e lista,
Fuora de quei sbregoni
Quattro dea de galloni
Che trazze lampi che te tiol la vista.
Fia mia, chi no t'ha vista,
115È un huomo mezzo vivo,
Chi te vede e no muor è un zocco morto,
E mi che te descrivo
So che te fazzo torto,
Che te tanso la gloria e te defraudo
120E te stronzo l'honor pi che te laudo.
Podess'io pur con dar della mia vita
Trovar più lengue a usura,
Che la mia sola a una beltà infinita
È piccola misura,
125So che no digo niente a quel che lasso,
Ma quel puoco ch'intendo
El mesuro, e comprendo
Co' se mesura el ciel con un compasso.
In sta bellezza passo
130La mia vita contenta,
Che trova salda fede in veste rotte,
No ho pi chi me tormenta
Né 'l zorno, né la notte,
Ghe xe un voler, un'anima in do petti,
135Così che ghe n'è puoche in molti letti.
Cerché, donne, d'haver laghi de pianti,
Rèfoli de sospiri,
E sempre innanti eserciti d'amanti,
Formé nuovi martiri,
140Notrive cento diavoli in te i occhi
Che tenta i cuor contriti,
Cerché che mille afflitti
Ve se vegna a buttar morti in zenocchi.
Amor, s'ti me infenocchi
145Mai più, frìzzeme all'hora,
Che te apparecchio la farina e l'ògio.
Questa è la mia signora,
La me vuol, mi la vògio,
Non ho qua da rabbiar, né da instizzarme,
150Chi vuol guerra d'amor se metta in arme.
Canzon mia repezzà,
S'ti è per sorte represa, e ti reprendi
Chi te reprenderà,
Mostra che ti l'intendi,
155E di', che s'ti no ha drappi de veluo,
Che quel che è Dio d'Amor va sempre nuo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canzon_(delle_strazze)&oldid=67724"