Canzon (della masseretta)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Canzon (della masseretta)
XVI secolo
←  Canzon (de l'albuòl) Edission e fonte ▼ Canzon (delle strazze)  →

Tra quante frezze, cazzo, che ti ha tratto,
Amor, daspuò ti è amor,
No solamente in homeni, ma in dei,
Ardisso dir che ti non ha mai fatto
5Colpo de mazor gloria e de pi honor
De questo del mio cuor,
Se ben che zorno e notte sbràgio, hoimei!
Fu il colpo al'improvisa
De sotto la camisa,
10Pensando, mi cogion, d'esser seguro,
Quando sora pensier certe occhizae
Me devi regalae
Che da spavento me fè restar duro.
Giera alabastro puro
15L'una e l'altra tettina
Che spontava dal vello tutte fuora,
Onde è forza che muora
Se no fùrego un puoco in la monina.
Potta, ti ha il gran poder fra le brigae,
20Orbetto fantolin.
Coggioni, adesso sì che me cognosso
Che per ti porto sporche le palae,
E che sempre co fa un saltamartin
Sta dretto el mio puttin
25Co 'l viso insbuferlao, pianziotto e rosso;
No provo pi contento,
Anzi ho sempre tormento,
Corro e son con la mente e co 'l pensier
Al mio ben, masseretta del piovan,
30Che me ha con le so man
Sola e in camisa fatto presonier,
Che no me valse haver
El stocco desfodrao
Contra la forza de tanta bellezza,
35No vardando la frezza
A darme l'astia fina sul sagrao.
O venturà massera, o masseretta,
Deventà mia madonna,
Che me puol comandar sempre d'ogni hora,
40Caro el mio caro ben, la mia donetta,
No vùstu darme un dì tantin de monna,
Zo ch'el mio cazzo sonna
Do botte campanò 'nanzi ch'el muora?
Te prego esser contenta,
45No voler pi che stenta,
Perché talmente ho in òrdene l'ordegno,
Che se no ti me tiol sta frenesia,
Un zorno per la via,
Cazzo, porìa buttartela de segno.
50E tuì questo per pegno,
S'ti vuol saver co stago,
Che ala fin per haver comoditae
De darte do chiavae
Comodamente, son per farme zago.
55Ti servi, masseretta, e sti xe degna
Che ogni homo te sia servo,
A star in ditto de chi n'è coggion,
E amor in sta passion sezon me tegna
Se co te vedo no son tutto nervo,
60Gagiardo co xe un cervo,
E tutto questo, cazzo, in conclusion.
O pianetto sassin,
Pùstu haver presto fin,
Za che ti ha destinà sta robba arente
65D'un vecchio che ha el verzotto in pe' de pinca,
E mi ch'el me deschinca
Tanto el me tira, e no poder far niente!
Ho el cazzo sì sbogiente,
Che se le spesse botte
70Come ch'el fa, meschin, no 'l lagremesse,
L'arderìa le braghesse,
E 'l cullo e 'l pettenecchio e le ballotte.
Ti ridevi, cagnona pattarina,
E mi gramo buttava
75Làgreme tanto grosse sotto el pano,
Campo alto al cullo lu e la so puìna!
E mi co la capella suspirava,
Pénsete se provava
Ogni compìa malora, ogni malano.
80Te vardava e taseva,
E co 'l cuor te diseva:
Mo se quel che ti mostri xe sì bello,
Che cosa diè esser sotto la vestura,
In quella stendaura
85Che monna gusteràvio con l'osello!
In fina ogni cavello
Se me drizzè del cao
Quando te visti do gambe sì fatte,
E quasi me insì el fiao
90Pensando a quel che diè esser le cullatte.
Del servir che ti fa no te instizar,
Perché aponto el pi bon
Che nasce sotto el ciel xe destinà,
Speranzetta mia d'oro, e sconvien far
95A quel la servitù e condition
Che obliga el so paron,
Ordene che xe stao, che xe e sarà.
Varda l'oro e l'arzento,
Che è pare del contento,
100Comodo tutto do serve ala stretta
E ogni altra cosa in anema e vivente.
Benedette le stente
Che ti fa in ca' del vecchio, cusì quieta,
Che tanto me deletta
105E me piase i to muodi
Che basserave i scòvoli e le scuelle,
Piàdene e pignattelle,
E infina anche la secchia che ti svuodi.
Amor te diga là che notte fe',
110Che fu sempre presente
A quelle smanie, a quei grossi suori,
Che un gramo puoco che me indormenzè,
E che me insuniava esserte arente
Co 'l cazzo reverente
115Te comenzava a penetrar i ori,
Fu sora del mio letto
Da un gatto maledetto
Desmissià co un'urla spaventosa,
E mi, pensando d'esser sentà in sella,
120Me trovì in man la mella
Infin ai elci tutta smocignosa.
O che stella rabbiosa,
O pianetto fottuo,
Za che co penso d'esser a le strette,
125Me trovo le borsette,
La man, la panza, el cazzo tutto bruo.
No credo certo che sora la terra
Sia un altro inamorao
Che mena vita sì dura e senestra
130Come che meno mi mattina e sera,
Masseretta, daspuò che mi t'ho occhiao.
Cancaro a chi ha insegnao
Senza pignata far tanta manestra,
Ma sia pur i disgusti
135E le làgreme e i susti
Quanti che i vuole, e sia grandi i tormenti,
Che sarò sempre el pi constante osello
Che viva sotto el cielo,
No menando mai l'ale in altri venti.
140Con ti xe i mie franzenti,
E con ti me ne impazzo,
Né con altre sto cazzo mollerò
Per fina che haverò
Spirito, vita cuor, ballotte e cazzo.
145Canzon, scappina via da la massera
Inanzi che sia sera,
E dighe in t'una recchia sora el tutto
Che morirò se la no me dà agiuto.
Ma varda a dirlo pian
150Per amor del piovan,
E che co la t'ha letto
Che la se sconda sotto del so letto,
E se per strada qualcun te trovasse
E che 'l te coggionasse,
155Senza cercar ch'il sia
Dighe bardassa vecchia e corri via.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canzon_(della_masseretta)&oldid=41391"