Canzon (de l'albuòl)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Canzon (de l'albuòl)
XVI secolo
←  Canzon (del can da scoazzera) Edission e fonte ▼ Canzon (della masseretta)  →

Brama pur chi se vuol fra armezi d'oro
E sotto rensi e sea
Fotter a so piaser donna lasciva,
Zovene e bella, e brama longamente,
5Creda pur fermamente
Che quella sola sia la vera via
Ala qual chi ghe arriva
Retrova del chiavar tutto el tesoro,
Che mi lontan d'humor, così cogion,
10Adesso che ho gustà,
Cazzo, cosa è bontà,
No bramo altro mai ch'el magazen
A pe' pian su 'l teren
Sobogìo, sporco e pien d'humidità,
15E quel gramo albuòl vecchio apuzà al muro
Cusì in canton al scuro,
E quella dolce e delicà massera
Che fottì al'improviso verso sera.
Coggioni, adesso sì che ho cognossuo
20Che più fra le bassezze
Che tra superbie vanità fumose,
L'ànemo e 'l cazzo resta consolao,
Perché de haver provao
Posso ben dir tutte quelle dolcezze
25Più care e saorose
Che habbia gustà quanti che ha mai fottuo.
Vaga pur da qua in là in tanta malora
L'haver l'occhio ai pallazzi,
E digo, sotto sora,
30Lettiere d'oro, perle e caenoni,
Bei rizzi e zoccoloni,
Bàvari, anelli con spaliere e razzi,
Che no ghe besogna altro per gustar
Che cosa sia el chiavar
35Che una potifa monda, schietta e pura,
Giusto come l'ha fatta la natura.
Tutto el resto xe tara, tutto el resto
Si xe intrigo e desturbo
Che strùsia, che travagia e che dà impazzo,
40Come pur troppo chiaro e troppo espresso
N'ha mostrà Apollo in esso,
In questo certo sora ogni altro furbo,
Scozzon, astuto e lesto,
Che quando ghe ha tirà sì forte el cazzo
45L'è corso come un lovo zorno e notte
Per voler leccar via
Dafne fra boschi e grotte,
Perch'el saveva, no siando ballota,
Che assai più d'una pota
50Che no sia sta leccà, toccà o forbìa
Trova dolcezza e giubilo compìo
Ogni cazzo incazzìo,
Che da un mier tutto il dì strussiae
Con forfette, stropagni e aque stillae.
55Mille respetti e mille impedimenti
Sempre con essa porta
Donna che viva e che staga ala granda,
Tutti all'attion del fotter dolorosi,
Pessimi diavolosi,
60Oro, zògie, damaschi, no comporta
Al cazzo quando el manda
Afflitto e duro al ciel mocoli ardenti.
El so conforto xe co la ghe monta
Haver immediate
65Una potiffa pronta,
No in letto fra lascivie e strissarìe,
Ma su un albuòl in pìe,
Dolce sustegno d'un per de culate.
Per queste ogni altra pompa se ghe laga,
70E si se ghe ne incaga,
Che tal moza è fra zògie, oro e veluo,
Che xe tutta formaggio, mozzi e bruo.
Che longhe servitù! Che spassizar
Tutto il dì suspiroso e suspettoso!
75Che star tutta la notte come lari
A inspiritarse in su le cantonae,
Che per do grame occhiae
Andar i mesi intreghi in su e in zoso,
Che buttar via danari
80In ruffiane per farghe parlar,
Che alfin ve manda po tutte in bordello,
Amisi, robba e honor,
La sanità e 'l cervello,
Se senza ste fatture e ste ruine
85Con quatro paroline
In s'un albuòl se fotte da signor
Con tanta soavitae e zentilezza,
E con sì gran dolcezza,
Seguri da pericoli e da intrighi,
90Da panocchie, caruoli e beccafighi.
O dolce albuòl, o caro magazen,
Assai pi dolce e cara
Massereta zentil, galante e bona,
Perché no sòngio bon da laudarte,
95Almanco in qualche parte,
La grazia, la maniera unica e rara
Del to spòrzer de mona,
Che mai pi al mondo ho chiavì cusì ben.
Vardè che qua sia sta quel no volemo,
100Orsù via, mo stè in pase,
Che ve penséu che sémo?
Sì, cazzo aponto, caro occhietto mio,
Aldi un po qua da drio.
La vien de longo via senza altre rase,
105Ghe dago un baso e ghe digo ribalda,
Et essa sì sta salda,
Ghe alzo su le tàtare e 'l presento.
La ride, e mi, un pentòn, el cazzo drento.
Ceda l'ambrosia e 'l nettare dei Dei,
110E vaga alla lovana
Perché no i zonze al terzo della strada.
Altro che i campi Elisi sì ghe vuol
A superar l'albuòl
Che apportè in tutti do sì dolce mana.
115Ala prima cazzada
Ne fu forza criar ohimei, ohimei,
E dar dentro de longo ai morsegoni,
A suzzi, a susti, a basi
E ai più dolci spentoni,
120Per farla co se diè subito e presto,
Come porta l'honesto
D'un cazzo e d'una pota in simil casi.
Mo no so miga al fin co no morisse
Alora che ghe disse:
125Te lasso, anima mia, no posso pi,
E ella: Ohimei, ohimei, vegno anche mi.
Lasso pensar el resto a chi ha intelletto,
E cussì a passo a passo
Considerar el fotter ben compìo,
130E che dolcezza che mi gustì alora,
Finché gh'el cavè fuora
Stracco foffio, sudao, pianziotto e lasso,
No lassando da drio
Che anche el deo borghizase qualche puoco,
135Che mi, zonto a sto segno, pi no posso,
È forza che me immuta
Con dir che me cognosso
Che 'l mondo possa dar massa lichetti,
Cieli, stelle, pianetti,
140Perché senza un pensier, quasi alla muta,
Senza servir, se puol star su le sanze,
Cerimonie e creanze,
Con quatro basi e do – raìze mia –
Provar del fotter l'alta monarchia.
145Canzon, porta da lai co ti va in volta
Sempre un bon pistolese,
E per ogni paese
Vattene via resolta
De pettarlo intraverso del mustazzo
150A chi te lezze e no ghe tira el cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canzon_(de_l%27albuòl)&oldid=41387"