Canzon (del can da scoazzera)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Canzon (del can da scoazzera)
XVI secolo
←  Canzon piccenina (de la man) Edission e fonte ▼ Canzon (de l'albuòl)  →

Amor, son co'è un can da scoazzera
Che xe uso a magnar ogni carogna,
E chi el volesse usar
A star incaennà,
5El se sentirìa a urlar
Che 'l pararave un'anema dannà.
Deghe quanto volé mattina e sera
Tutto quel da magnar che ghe bisogna,
Né co el carezzarlo,
10Né co el bastonarlo,
El porìa haver pazientia,
Perché l'uso puol più dell'insolentia.
El vorìa innanzi andar un dì cercando
Un sporchezzo, un gram'osso in ogni buso,
15E spesso anche el se imbatte
Che co 'l l'ha trovà, po,
Un ghe 'l tuol dalle zatte,
Che nianche quello no ghe puol far pro'.
Chi 'l strussia, chi 'l trà in acqua e va fuzando,
20Chi el broa, chi el pela e chi ghe scotta el muso,
Chi ghe traze de i sassi,
Chi ghe fa mille arlassi,
Che 'l povero animal
Per la so libertà soffre ogni mal.
25Son cusì anche mi, Amor, che ti credevi
Tegnirme incaennà pur a ogni via,
Prima con le dolcezze
Che provava ogni dì,
E po con le fierezze
30Che me feva bramarte un poco pi,
Ma co i strazzi crudel che ti me fevi,
E che ti fevi farmi da custìa,
Né con ogni tormento
Ti ha habbuo mai el to intento,
35Che a fuzer la caena
Ogni dolcezza è mal, dolce ogni pena.
E prima che haver letti profumai,
Lenzuoli del color sora la neve,
Camere preparae
40Che a mala pena un re
Le haverìa meritae,
E un luser tutti i luoghi onde se xe,
E i vestimenti d'oro recamai,
Veder vegnir el sol, che te receve
45Con un basìn d'amor
Cha va a lozar al cuor,
E con parole accorte
Che te dà da dolcezza mille morte,
Pi presto vògio viver come fazzo
50Liberamente senza alcun pensier,
E andar da qualche grama
Reffudà dal bordello,
Che l'hospeal la chiama,
Che sona un passo e mezzo in molinello,
55Che co manco respetto ho più solazzo.
Almanco quella, co la vògio haver
Da l'hora che me piase,
L'ho sempre in santa pase,
E senza esser soggetto,
60Ch'el piaser no me piase co ho respetto.
Mi d'una donna da quel spasso in fuora
No ghe darava un marzo bagattin,
Anzi non ho in quel atto
Tal e tanta dolcezza
65Qual e quanta che ho in fatto
A star con essa passion e asprezza.
Me tuogo el spasso co me imbatto all'hora,
E no ghe ne ho nessuna mai per fin,
Che co se ha fame, un àgio
70Xe bon co è 'l vin a tàgio,
No cofà certi humori
Cha magna senza vògia per favori.
Canzon sorella, co ti è tra minchioni,
Dighe pur che ho sto humor in te la testa,
75Ma co ti xe tra furbi che t'intenda
No aspettar che i te zola,
Butta le zatte in tola,
Che i le vedarà nette,
Che sto humor nasce da non haver gazzette.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canzon_(del_can_da_scoazzera)&oldid=41389"