Canzon piccenina (de la man)

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Canzon piccenina (de la man)
XVI secolo
←  Canzon (del viso) Edission e fonte ▼ Canzon (del can da scoazzera)  →

O man de puro latte,
Bella quanto crudel,
Che più che la me batte
Più devento un agnel,
5O benedetta man, pompa d'amor,
Man che zioga alla balla del mio cuor.

Bianca falda de neve,
E pur la me ha scotà,
Tal che è 'l viver pi breve
10Che un albero sbusà,
O miracol d'amor che sì possente
Puol trar da viva neve fuogo ardente.

Man che ha cinque rubbini,
Onde Amor suol cavar
15I strali cusì fini
Che i no se puol parar,
Che no ghè cuor sì duro che i contrasta
Che no para l'azzal come de pasta.

Man che me dà più strette
20Quando la honoro pi,
Man che ha quatro fossette
Ove ho el cuor seppellì,
Che par che Amor sentando l'habbia fatte
Con haverghe improntà su le cullatte.

25Man che me trazze a terra,
Che me tien spento al fin,
Man che fa tanta guerra
A un misero meschin,
Man che inchiava e deschiava i mie pensieri,
30Che me lieva dal cuor tutti i piaseri.

Man che me squarza el petto,
Che me insanguina el sen,
Che m'ha ligà sì stretto
Che me tien tanto in fren,
35Man che reze el mio fato e la mia sorte,
Che m'ha depento in vista amor e morte.

Va da sì bella man,
Canzon mia piccenina, e daghe un baso
Se ben si havessi un mustazon sul naso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Canzon_piccenina_(de_la_man)&oldid=41393"