Brindisi alla Tavola Cornoldi

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Brindisi alla Tavola Cornoldi
Edission e fonte ▼
[p. 63 modifica]
BRINDISI

RECITATO ALLA TAVOLA

DEL MAGGIOR CORNOLDI

NEL SUO LUOGO DI DELIZIE ALLA GIUDECCA

Per onorare la sig. Erminia Fenzi celebre Cantante buffa.

Vi erano commensali due altre donnette assai graziose.


Rovinà da certa zente
     Che se chiama del bon ton,
     De Poeta maldicente
     4Go in paese l'opinion.
Quasi che me sia proibìo
     Da le Muse de cantar
     Se no posso a modo mio
     8Qualche pele scortegar!
Lo confesso ch'el vizieto
     Proprio in sangue me xe andà;
     Che ghe trovo un gran licheto
     12De dir mal con libertà.

[p. 64 modifica]

Ma in sto logo, in sto momento
     Novo stil me ispira Apolo,
     E da lu proprio me sento
     16Baratar la cetra al colo.
Magior caro, che magia!
     Che eleganza in sto palazzo!
     Che graziosa compagnia!
     20Che bel ordine! che sguazzo!
La Iscrizion che gh'è de fora1
     Col de drento se combina:
     De tre done che inamora
     24Oh che scielta pelegrina!
L'unir qua con tanto gusto
     De tre rose un bel mazzeto
     Prova ben che tato giusto
     28Gavè ancora, el mio vechieto.
Le ga tute nel so genere
     Tanta grazia, tanto brio
     Che de darghe el pomo a Venere
     32Intrigà sarìa per Dio.
Nè mi solo, ma indeciso
     Fin quel bravo cortesan
     Che per una s'à deciso,
     36Resterìa col pomo in man.
Bela Erminia! no xe novo

[p. 65 modifica]

     Su ste scene el vostro incanto,
     Piene ancora come un vovo
     40Le s'à visto al vostro canto.
Ma de l'arte zonta adesso
     Vu se' a l'ultimo confin,
     Cara a l'uno e a l'altro sesso,
     44Ma più cara al mascolin.
Nè xe l'organo che solo
     Sia paron de l'armonia,
     Spiega l'anima el so volo
     48Con mirabile maestrìa.
La natura e l'arte unita
     Coleganza in vu le à fato,
     Ne dè proprio nova vita!
     52Benedeto quel gargato!
Quanta grazia co parlè
     Col Todesco vostro amante2
     E rabiosa ghe disè:
     56Te conosso sì birbante.
De Pandolfo che paura!
     Che modestia! che passion!
     Del gran libro de Natura
     60Che profonda cognizion!
No gavèmo più bisogno

[p. 66 modifica]

     De viagiar fin a Parigi,
     Xe ridoti adesso un sogno
     64I so comici prodigi.
Esclusivo al Cielo galico
     No xe più del soco el vanto,
     Ma esclusiva al Cielo italico
     68Sara ben l'arte del canto.
A sgnaolar pezo de i gati
     Xe i Franzesi condanai;
     Per cantar nu semo nati,
     72Anca in tochi e rovinai.
Dopio aloro preparemo
     A sta brava filarmonica,
     El so nome celebremo
     76Noto più de la betonica;
E più lirico de mi
     El Poeta pagador3
     Fazza plauso in sto bel dì
     80Al bon gusto del Magior.




Note
  1. Honestae voluptati sacrum è la Iscrizione al di fuori.
  2. Situazione comica difficilissima sostenuta dalla Fenzi con la maggior bravura nel celebre terzetto della Farsa intitolata: Il Matrimonio per concorso.
  3. Carlo Zanoli pagatore allora della Marina.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Brindisi_alla_Tavola_Cornoldi&oldid=55115"