Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/63

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


BRINDISI

RECITATO ALLA TAVOLA

DEL MAGGIOR CORNOLDI

NEL SUO LUOGO DI DELIZIE ALLA GIUDECCA

Per onorare la sig. Erminia Fenzi celebre Cantante buffa.

Vi erano commensali due altre donnette assai graziose.


Rovinà da certa zente
     Che se chiama del bon ton,
     De Poeta maldicente
     4Go in paese l'opinion.
Quasi che me sia proibìo
     Da le Muse de cantar
     Se no posso a modo mio
     8Qualche pele scortegar!
Lo confesso ch'el vizieto
     Proprio in sangue me xe andà;
     Che ghe trovo un gran licheto
     12De dir mal con libertà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/63&oldid=62260"