Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/64

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Ma in sto logo, in sto momento
     Novo stil me ispira Apolo,
     E da lu proprio me sento
     16Baratar la cetra al colo.
Magior caro, che magia!
     Che eleganza in sto palazzo!
     Che graziosa compagnia!
     20Che bel ordine! che sguazzo!
La Iscrizion che gh'è de fora1
     Col de drento se combina:
     De tre done che inamora
     24Oh che scielta pelegrina!
L'unir qua con tanto gusto
     De tre rose un bel mazzeto
     Prova ben che tato giusto
     28Gavè ancora, el mio vechieto.
Le ga tute nel so genere
     Tanta grazia, tanto brio
     Che de darghe el pomo a Venere
     32Intrigà sarìa per Dio.
Nè mi solo, ma indeciso
     Fin quel bravo cortesan
     Che per una s'à deciso,
     36Resterìa col pomo in man.
Bela Erminia! no xe novo

  1. Honestae voluptati sacrum è la Iscrizione al di fuori.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/64&oldid=62261"