Pagina:Collezione delle migliori opere scritte in dialetto veneziano 8.djvu/65

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Su ste scene el vostro incanto,
     Piene ancora come un vovo
     40Le s'à visto al vostro canto.
Ma de l'arte zonta adesso
     Vu se' a l'ultimo confin,
     Cara a l'uno e a l'altro sesso,
     44Ma più cara al mascolin.
Nè xe l'organo che solo
     Sia paron de l'armonia,
     Spiega l'anima el so volo
     48Con mirabile maestrìa.
La natura e l'arte unita
     Coleganza in vu le à fato,
     Ne dè proprio nova vita!
     52Benedeto quel gargato!
Quanta grazia co parlè
     Col Todesco vostro amante1
     E rabiosa ghe disè:
     56Te conosso sì birbante.
De Pandolfo che paura!
     Che modestia! che passion!
     Del gran libro de Natura
     60Che profonda cognizion!
No gavèmo più bisogno

  1. Situazione comica difficilissima sostenuta dalla Fenzi con la maggior bravura nel celebre terzetto della Farsa intitolata: Il Matrimonio per concorso.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Collezione_delle_migliori_opere_scritte_in_dialetto_veneziano_8.djvu/65&oldid=62262"