Apollo, se ti sa de medesina

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Apollo, se ti sa de medesina (Sonetto XLVII)
XVI secolo
←  Sonetto XLVI. Mettéme a rosto, a lesso, su la graella Edission e fonte ▼ Sonetto XLVIII. O Amor, perché no songio all'hora stao  →

Apollo, se ti sa de medesina,
Quello che ho letto in diversi autori,
Muòvete dal to Ciel, vien e soccorri
Per compasion sta povera meschina.

Te mandarave ben de la so orina,
Ma el mal che l'ha puol causar di errori,
Che in tel usir, quando l'à toccà i orri
La deventa de zalla carmisina.

Bisogna che ti vegni e che ti vedi,
Vorrìa dir, che ti vardi, ma cognoso
Che ghè da far pi assai che ti no credi,

Che el mal è penetrà de là dall'osso,
Pur ghe xe dei siroppi tanto freddi
Che i puol levarghe el cancaro d'addosso.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Apollo,_se_ti_sa_de_medesina&oldid=41323"