Amor materno nel dialetto veneziano/3

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.


[p. 19 modifica] Vien qua, el mio frate1
benedeto el mio furlanoto2
caro quel pacion; caro quel paciòto
caro quel bombason3
la mia bòndola, bondoleta
la mia bròmbola, bromboleta4
andemo da la gnagna (zia), el mio tondolin
el mio bodolòto
el mio ganassotto, ganasson; care ste papote, care quele sgionfone5
[p. 20 modifica]cara sta tatona
cara sta smegiazza6
el mio fachin
el mio Sanson
la mia dodesòna7
el mio becafigo
el mio fagoto
el mio sgìonfon
el mio fofon
el mio polenton8
el mio butiron - el mio pan de butiro
el mio panzon - el mio tamburo de croato
el mio culon
el mio strufignoto9
cara quela luna d'Agosto
el mio tofoloto10
el mio tracagnòto11
el mio stramazzo12
el mio porçeleto
el mio boròndolo13
[p. 21 modifica] ma sastu che ti pesi, castelo de creatura14
la diga àmia (zia), xelo gnanca una baga quel so nevodin?15



Note a cura de l'autor
  1. Questa e le voci che seguono (non ce n'è penuria) si riferiscono al bambino florido e prosperoso. Eccotelo un frate dalla grossa collottola.
  2. E adesso un furlanotto, cioè un di que' tarchiati e rubicondi ragazzi friulani, tutti forza e salute, che calano d'inverno nella nostra città a camparsela col rivendere mele cotte e pasticci e panini gialli o zaleti.
  3. Senti che morbidezza di carni, pari alla bambagia (bombaso). Star nel bombaso vale, come in lingua, stare in sul grasso, o appunto nella bambagia.
  4. Bòndola o bròmbola varietà di salsicciotto a forma di palloncino.
  5. Di guancie carnacciute.
  6. Smegiazza è una specie di torta con farina gialla, mielazzo, cedrini ecc., che si mangia in carnevale. Smegiazza viene detto al bambino dalla faccia piena e grassa.
  7. Barca di maggior mole della bissona, vogata da dodici rematori, ch'è in uso nelle regate e vien fornita con gran lusso di dorature, di veli e di velluti.
  8. Che mangia molta roba e se la mette attorno.
  9. Batuffolo di cenci.
  10. Tonfacchiotto, cioè piccolo e grasso.
  11. Tarchiato.
  12. Il suo materasso?! Bubbole, che tocco di creatura!
  13. Rotolo, pezzo rotondo.
  14. Un castello, nientemeno! Stimo io che non pesi! Ma più del peso, ammira l'efficacia del paragone.
  15. Otre, e per similitudine s'applica a chi è assai pingue.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Amor_materno_nel_dialetto_veneziano/3&oldid=54570"