Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/31

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


ma sastu che ti pesi, castelo de creatura1
la diga àmia (zia), xelo gnanca una baga quel so nevodin?2


El mio secolìn3
el mio bacalà
el mio scarmolin4
la mia sardela5
la mia renga6
la mia canòcia
el mio struzzo
la mia çelegheta - la mia çèlega da nio7
la mia rùzola8
la mia frègola - la mia schianta - la mia spìsema
la mia schienza9
el mio stropoleto10
la mia schila11
el mio buzareto12

  1. Un castello, nientemeno! Stimo io che non pesi! Ma più del peso, ammira l'efficacia del paragone.
  2. Otre, e per similitudine s'applica a chi è assai pingue.
  3. Ora è la volta de' bambini magri. Vedilo il primo, com'è sottilino (secolin)!
  4. E questo com'è scricciolo!
  5. Questi poi, è una sardella addirittura!
  6. E questo un'aringa.
  7. Passerina. Magro ma vivace.
  8. Bruco.
  9. Frègola come schianta, come schienza è la minima parte di checchessia; ma frègola applicasi per lo più al pane, e schienza al legno.
  10. Turacciolino.
  11. Piccolo granchio marino a coda lunga (cancer squilla Linn.)
  12. Da bùzara che vale bagatella, cosa da nulla.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/31&oldid=61688"