Amor materno nel dialetto veneziano/2

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.


[p. 16 modifica]El mio moro - moreto - moracion - moreto de Morea
el mio ciocolatin1 - caro el mio negron - caro el mio negro fumo - caro sto muso da castradina infumegada - muso da fritola brusada - el mio negro American
el mio biondo - biondin - biondon
el mio rosso - el mio rossetto2
el mio rizzèto3 - el mio rizzon de Dio
caro quel sguardon - quel gambareto4 - el mio trevisan5
cara sta testina - sta testa da avvocato (testa grande)
cari sti cavei - caro el mio peòco6 - caro el mio zazzaron7
caro el mio tegnoso - caro sto tegnoso da le ghebe8
[p. 17 modifica]caro sto copin - cara sta gnucheta
caro quel muso da basi - quela musana - quel museto
caro quel bàbio9
caro quel bel frontespizio - quela mutria
caro quel viso da formagièla10
caro el mio mustazzon11
caro quel viseto da Sant'Isèpo
cari quei ocioni - quei oci baroni - cari quei sporteloni - cari quei oci buleghini - quei oci de fogo - quei oci furbi - quei oci da galiòto - quei oci che sfiàmega
cara quela schizzeta - benedeto el mio schizzon - la mia bela schizza - la mia napa de camin12
caro quel bochin - bochin de zucaro - bochin de miel - boca da basi
cari sti bei lavreti
caro quel barbuzzo
cari quei dentini
cara sta scafeta - sta sbezzoleta13
care ste reciete
care ste spalete - ste spalote
cari sti pomoleti14
caro sto petesin
[p. 18 modifica]care ste tetine
cari sti bichignòli - sti cavielèti15
cara sta panzeta caro sto culeto - caro sto bobò - sto martin - sta brasiòla - sto tabàro - sto chitarin - sta bussola - ste do ciapète - cari sti do spigoli de agio - ste culatine16
cari sti brazzeti
cari sti polseti
care ste manine - care ste sgrinfone, tute rosse, povareta!17
cari sti deolini
care ste ongiète
caro sto bimbìn18
care ste cossatine
care ste gambète
care ste pupolete - ste pupolòte
cari sti penini
cara sta ànara - sta nanarela19
cara la mia cogometa
mo vardèlo in che stati el mio verdolin20
povareto el mio cugùmero21
[p. 19 modifica] el mio frescùsene22
cossa galo el mio spirità, el mio spasemà?23
el mio storto dal Dolo24
el mio gobo su l'oca25



Note a cura de l'autor
  1. Lo rassomiglia alla cioccolata, dal colore molto bruno.
  2. È noto che molti dei caratteri antropologici rilevati dalla nuova scuola penale nei delinquenti nati, ve li rilevò anche il popolo registrandoli ne' suoi proverbi e ne' suoi canti; come dimostra Cesare Lombroso in uno stupendo capitolo del suo bel libro: Pazzi ed anomali (Città di Castello L. Lapi edit. 1866). Il pelo rosso per esempio non è neanco pel nostro popolo indizio d'animo buono; leggi infatti ne' suoi proverbi che «rossi de mal pelo çento diavoli per cavelo» — che «gnanca i caponi rossi no xe boni» — che «cavei e barbe rosse poche ghe n'è e manco ghe ne fusse». Ora io ho udito tante e tante volte la nostra popolana far al suo bambino: Vien qua moreto, vien qua biondìn; ma vien qua rosseto, senza che lo preceda il mio, mai e poi mai; quasi a significare che se anche sei rosso, sei mio e tanto basta. Del resto «a ogni simia (oh sgarbato d'un adagio!) ghe par bei i so simioti», e in Toscana: «All'orsa paion belli i suoi orsacchini».
  3. Ricciutello.
  4. Rubicondo.
  5. Quand'ha tanto bella ciera, che pare sia di Treviso, dove di faccie fresche e sane, ch'è un piacere a vederle, ne trovi ad ogni passo.
  6. Che è senza capelli.
  7. Che ha gran zazzera.
  8. Che ha i capelli tagliati molto brevi o come suol dirsi alla Fieschi, in modo che le rammenta un tignoso. Tegnoso da le ghebe allude a una vera epidemia di tigna che ci fu una sessantina d'anni fa negli abitanti delle isole lungo i ghebi (canaletti) della laguna come alle Vignole, a San Erasmo ecc. e che dominò per qualche tempo ostinata in que' siti del nostro estuario.
  9. Visino.
  10. Che ha il viso schiacciato, come ha la forma schiacciata quella specie di cacio, per lo più fornito dal latte di capra, che si fa nell'autunno.
  11. Caro quel faccione; e mutria vale lo stesso.
  12. Naso schiacciato.
  13. Mento allungato ed arricciato.
  14. Le estremità delle spalle
  15. Capézzoli.
  16. A chi non è avvenuto di veder la buona mamma mentre è intenta a pulire la sua creatura baciarla su un punto o l'altro dell'adorato corpicino; e di sentirla profferire secondo il punto baciato, l'una o l'altra di queste invocazioni?
  17. Faceva un freddo indiavolato; ed una mamma così diceva alla sua bambina portandola all'Asilo dei Lattanti mentre avea gli occhi su quelle manine rosse rosse e intirizzite. Qui ci sarebbe un bozzettino degno del tuo pennello, caro Favretto!
  18. Vedi bagarin.
  19. Che ha i fianchi sporgenti, e nel camminare ricorda l'anitra.
  20. Lo dicono quando il bambino è intristito da malattia. Povera mamma! Con quel pallore sulla faccia, le par di vederselo fin verde dai patimenti!
  21. O le sembra un citriuolo, tanto ha la faccia scolorita.
  22. Lattime. Lo chiama col nome del male che ha, che è come lo avesse lei stessa.
  23. Quando ha gli occhi spalancati per la paura.
  24. Che cammina contorcendosi sgarbatamente. Detto però ad un adulto, vale furbo, astuto.
  25. Gibboso, come si vede nel giuoco dell'oca, cioè in quella tavola divisa in 63 caselle, in alcune delle quali sono dipinte alcune figure, tra cui questa.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Amor_materno_nel_dialetto_veneziano/2&oldid=54569"