Pagina:Amor materno nel dialetto veneziano.djvu/30

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


cara sta tatona
cara sta smegiazza1
el mio fachin
el mio Sanson
la mia dodesòna2
el mio becafigo
el mio fagoto
el mio sgìonfon
el mio fofon
el mio polenton3
el mio butiron - el mio pan de butiro
el mio panzon - el mio tamburo de croato
el mio culon
el mio strufignoto4
cara quela luna d'Agosto
el mio tofoloto5
el mio tracagnòto6
el mio stramazzo7
el mio porçeleto
el mio boròndolo8

  1. Smegiazza è una specie di torta con farina gialla, mielazzo, cedrini ecc., che si mangia in carnevale. Smegiazza viene detto al bambino dalla faccia piena e grassa.
  2. Barca di maggior mole della bissona, vogata da dodici rematori, ch'è in uso nelle regate e vien fornita con gran lusso di dorature, di veli e di velluti.
  3. Che mangia molta roba e se la mette attorno.
  4. Batuffolo di cenci.
  5. Tonfacchiotto, cioè piccolo e grasso.
  6. Tarchiato.
  7. Il suo materasso?! Bubbole, che tocco di creatura!
  8. Rotolo, pezzo rotondo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Amor_materno_nel_dialetto_veneziano.djvu/30&oldid=61687"