Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/236

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


AL MEDESIMO.


SONETTO


Amigo, voi contarve in t'un Sonetto
    La mia gran bella vita buzarada,
    Tutta la notte vado per la strada,
    4Ma vado per tastar qualche Culetto.

Se urto a caso in qualche bel caetto
    Ghe dago la mia bona calumada,
    Se la vedo a star salda in carrizada,
    8All'Osto, o in qualche Malva ghe lo metto;

Ma prima, che mi fassa sto strambotto,
    Mi voggio un poco el Cul, che la me licca,
    11Oppur, che la me sona de subiotto;

Dopo in mezzo alle gambe el se ghe ficca,
    Oppur el se ghe mette in tel Daotto,
    14E cussì, caro Amigo, se la sticca.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/236&oldid=60733"