Ventiquattro Odi Scelte di Orazio Flacco/20

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  ODE III. LIBRO III. Edission e fonte ▼ ODE XXI. LIBRO III.  →
[p. 264 modifica]
Ode VII. Libro IV.

Diffugere nives, redeunt jam gramina campis
Arboribusque comae.


A LUCIO MANLIO TORQUATO

Su la necessità de morir, esortandolo a no sparagnar tanto, procurando de trachegiarla a sto mondo mègio che se pol.


La neve xè andàda,
Su i prài torna i fiori
De cento colori,
E a dosso de i àlbori
La fogia è tornada
6A farli vestir.

Che gusto e dilèto
Che dà quèla tèra
Cambiàda de cièra,
E i fiumi che placidi

[p. 265 modifica]

Sbassài nel so' lèto
12Va zòzo in te 'l mar!

Le Grazie vïen fora
Le Ninfe chiamando,
E insieme balando
Cussì..., senza còtole
Le passa via un'ora
18Godendose al Sol.

Ah! caro Torquato,
Sia, l'àno, che l'Ore
Che sbrìssa e che còre,
Ne insegna e ne ilùmina
Che al mondo chi è nato
24Eterno no xè;

E in fati se vede,
Che a quei zefirèti
Che vien co i fiorèti,
L'inverno crudissimo
El posto ghe cede
30A quèla stagion;

Che presto zà passa,
E capita in bòta
El caldo che scòta;
Che gnanca col ventolo,
Per quanto se fassa,
36Nol lassa dormir;

E al caldo vien dopo
L'autûno, che a tuti
Ne porta i bei fruti,
Tornando po' in seguito
De tuto galòpo
42L'inverno baron.

Sto moto e sto ziro

[p. 266 modifica]

Fà veder, che i mali
Nò i xè sempre eguali,
Che i scòre, e che al pessimo
Ghe vien drio, de tiro
48QUal còssa de bon;

Ma nù, co' andaremo
Là in fondo d'Averno
A star in eterno
Co Enèa, Tùlo e Marzïo,1
Gnente altro saremo
54Che un'ombra, che un fià.

Chi sa! se dal Cielo
A i zorni passài
Ne vegna acordài
De i altri, o pur l'ultimo
Soltanto sia quèlo
60Che stà per finir!

Se a mi ti me credi,
Me par, mio Torquato,
Ch'el spender da mato
Sia mal; ma, da bestïa,
A i avidi eredi
66El tùto lassar.

Riflèti a sto mondo,
Che quando Minòsse
(Che sà le to' cosse)
Dirà quel gran giudice:
Và là nel profondo,
72Mai più se vien quà;

Nè giova in alòra
El dir: so' stà dòto,

[p. 267 modifica]

Pietoso, devoto,
De cèpo assàe nobile.
Sior nò, mai più fora
78De là no se vien;

Nè à valso per gnente,
Che Diana se mova,
Che tenta, che prova,
Aciò quel Ipòlito2
(Regàzzo inocente)!
84Podèsse sortir;

Cussì xè sucèsso
A Tèseo, quel forte,
Che a costo de morte
Xè andà zò ne l'Erebo
Tentando lù istèsso
90Pirìto salvar;3

Ma in vece, po', è nato
Ch'el caro Pirìto,
Quel povero aflìto
Che cava le lagreme,
Ligà come un mato,
96Ancòra xè là.



Note a cura de l'autor
  1. Tulio Ostilio xè stà el terzo re de Roma. Anco Marzio, el quarto.
  2. Ipolito fio de Tèseo calunià da Fedra so' maregna per (zà se intendemo). Mentre el giera per sotrarse da la furiosa colara de so' pare, el s'à rebaltà dal so' càro, o biròzzo, pestà e frantumà da i so' stessi cavali messi in paura da un mostro marin.
  3. Pirito, o veramente Piritòo, insieme con Teseo xè quei do' cari amici, el primo de i quali gavèa l'intenzion de rapir gnente manco che Proserpina; ma la ghe xè andada falàda, come pur a Teseo che lo voleva liberar; ma che, come dise Orazio, l'è ancora là.