Pagina:Serie degli scritti impressi in dialetto veneziano.djvu/265

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Sbassài nel so' lèto
12Va zòzo in te 'l mar!

Le Grazie vïen fora
Le Ninfe chiamando,
E insieme balando
Cussì..., senza còtole
Le passa via un'ora
18Godendose al Sol.

Ah! caro Torquato,
Sia, l'àno, che l'Ore
Che sbrìssa e che còre,
Ne insegna e ne ilùmina
Che al mondo chi è nato
24Eterno no xè;

E in fati se vede,
Che a quei zefirèti
Che vien co i fiorèti,
L'inverno crudissimo
El posto ghe cede
30A quèla stagion;

Che presto zà passa,
E capita in bòta
El caldo che scòta;
Che gnanca col ventolo,
Per quanto se fassa,
36Nol lassa dormir;

E al caldo vien dopo
L'autûno, che a tuti
Ne porta i bei fruti,
Tornando po' in seguito
De tuto galòpo
42L'inverno baron.

Sto moto e sto ziro

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Serie_degli_scritti_impressi_in_dialetto_veneziano.djvu/265&oldid=65235"