Ventiquattro Odi Scelte di Orazio Flacco/19

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  ODE XXVII. LIBRO I. Edission e fonte ▼ ODE VII. LIBRO IV.  →
[p. 260 modifica]
Ode III. Libro III.

Justum, et tenacem propositi virum
Non civium ardor prava jubentium.


Orazio per boca de Giunon fà intender ai Romani, che per nissun motivo no ghe saltasse in testa de trasportar la sede de l'Imperio in Troja.


Un'omo, ma costante,
Ch'el ben da sèno e 'l zusto se propòne,
3Nol cambia el so' pensier, ma in quelo el resta;
E se l'ardito popolo ignorante
Lo incita al mal, lù gnente se scompòne,
6Nè i tiràni ghe fa zirar la testa,
E, manco, l'Ostro fièro o Giove istesso
Co tute le saète.
9Nè certo, el lo desmète
Per quanto ch'el se trova compromesso,
E se, per fin, cascasse el Cielo in tèra,
12El resta soto, ma nol mùa de ciera.

Questa xè stà la strada,
Che un dì à batù Polùce, e 'l fio d'Alcmèna,
15E che svolar li à fati sùso in cielo;
Per questa istessa, à convegnù che vada
El gran Augusto, che da Nume a cena
18El nètare in ancùo se beve anch'èlo;

[p. 261 modifica]

Per questa, Baco valoroso e forte,
Usàe le tigre al zògo,
21S'à merità, là, un logo;
E per l'istessa, una ben degna sorte
Querin s'à procurà, la sù, in eterno
24Sparagnando d'andar nel negro inferno.

E co' l'è stà, là in cielo
In mezo a tuti i Numi e quei campioni,
27Giunon manco stizzàda, à dito alòra:
Ah Troja! ch'el to' incèndio e 'l to sfacèlo
Te xe stà procurà da do' briconi,
30Quel Giudice sifàto, e quela Siora,1
Troja, a Minerva odiosa, fin da quando
Quel Laomedon sperzùro
33Nò à più pagà quel muro,
Scordandose un'impegno tanto grando!
Ah Laomedon birbante!2 ah Troja indegna!
36Che a tuti do el malàno, pur, ve vegna!

Ma più nò gà coragio
Paride traditor, amigo ingrato,
39De vantar le sò sporche baronàe,
Nè i fiòi de Priàmo che n'à dà travagio;
E odiosi a tuti nù, no i xè più in stato

[p. 262 modifica]

42De alzarse contro i Greci, e le so' armàe;
Sichè de quel ch'è stà per tanti àni
Più no se diga gnente,
45Nè più tegnirò in mente
Quanto ò provà de bile e de' malani,
E Querin, benchè fio d'una Trojana,3
48Gh'el dono al pare, aciò più nol se afàna.

Che in questa regia d'oro
El staga pur, ch'el suchia in compagnìa
51El netare co' nù, ch'el sia contento
D'aver, anch'èlo, un voto in Concistoro!
No ghe xè più discòrdie, e mi so' zia,
54Ghe lo permèto, e a tuto ghe consento;
Purchè quel mar che ghè tra Roma e Troja
Nol sia tranquilo mai,
57E in dove soterài
Xè Pàri e Priàmo, a zapegar, co' i vogia,
Ghe vada i manzi, e frà quei sassi ròti,
60Che le tigre se sconda i so' tigròti;

Remenghi, a piacimento
Che i zira dove i vol, ma fermo staga
63El Campidoglio, e i Medi sogiogài
Sempre ai so' pie se veda, e che al momento
La Fama, sbampolando el nome, vaga
66Da mar a mar, fin dove separài
Xè da l'Europa i Negri, e a l'alto Egito

[p. 263 modifica]

(Dove 'l famoso Nilo
69Alzandose sù, a filo
Bagna tuto el teren de quel bel sito)
Onde da tuti, Roma decantada,
72La sia temesta, amada e respetada;

Sprezzante, e mai bramòsa
De l'oro (che assàe megio soto tera
75Sarìa ch'el stasse sconto e mai più visto,
Più tosto che con man pecaminosa
Cavarlo de quei tempj, in dove el gièra
78Per farghene po' un uso infame e tristo);
Che le so' insegne scora in ogni logo,
Gloriose sempre mai,
81Tegnindo sogetài
E quei che xè frà el giazzo, o al Sol de fogo,
E quei che vive in quà, da st'altra banda,
84Esposti a le provenze e a piòva granda.

Vogio però e comando,
Che Roma, in avegnir, no tenta mai,
87Nè per amor de i vechi so' antenati,
Nè tropo in èla stessa confidando,
Che quele tòre e quei muri desfati
90Mai più se veda sù refabricai.
Che se mai, nonostante, sucedèsse
Che Troja fusse ancòra,
93Zuro, che in bota alòra,
Prima che gnanca l'aria lo savèsse,
Con nove trupe la farìa più opressa,
96Comandando l'esercito mi stessa;

E se, da novo, el muro
Febo tre volte ghe lo fabricàsse,
99Tre volte, co i mï Greci vitoriòsi
(Se più del marmo, o 'l bronzo el fusse duro)

[p. 264 modifica]

Farìa, che in tera i ghe lo sfracassasse;
102E che le mare, i morti fioli e i sposi
Le pianzèsse, sbregandose i cavèli...
“Ma basta, Musa mia,
105Vien zò, càvite via,
Nò ti gà l'ale fate per quei Cieli,
E molto manco ai versi tòi se adàta
108Le cosse in grando che la sù se trata.”



Note a cura de l'autor
  1. Quel Giudice sifàto xè Paride, che dovendo giudicar de la belezza frà Giunon, Minerva e Venere, gà dà la preferenza a Venere, e l'è quel'istesso che à rapio Elena spartana a Menelao, intendendose per quela Siora sta istessa Elena ecc. ecc.
  2. Laomedonte re de Troja pare de Priamo, che à mancà ai pati convegnui co Apòlo e Netuno per la fabrica de le mure de Troja.
  3. Querin, ossia Romolo, giera nato da Ilia fia de Numitore descendente da Troja, e per conseguenza la gièra una trojana nemiga de Giunon. El pare de Romolo s'à volesto far creder ch'el fusse Marte, ed eco perchè Giunon se chiama per zia de Romolo, in grazie cioè che Marte giera fradelo de Giunon (se no falo).