Ve ressolverò mi sto dir, o potta

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Ve ressolverò mi sto dir, o potta (Venieresca XXXI)
XVI secolo
←  Venieresca XXX. Infra 'l cul d'una zovane e la potta Edission e fonte ▼ Venieresca XXXII. Ti m'ha fatto provar so le to fiamme  →

Ve ressolverò mi sto dir, o potta,
Né le sia tra de nu a far rumor.
No l'havéu remetùa in t'un chiavor?
Mo remettila in mi c'ho chiavà in frotta.

Fotendo voi, fradei, (darghe) na botta.
Vedé, una man me dette tal saor
Che quanto a mi el me parse mior
Della bocca, del cul, de tette, o potta.

No se può ziogolar chi fotte in tette,
Po' quel del cul si xe un certo chiavar
Che dà alle volte quel che 'l no promette.

Chi fotte in potta perde 'l rasonar,
E sì ve soffeghé tra queste tette
E stè tre hore se volé sborar.

La bocca fa stentar
Perché vu no sentì se no sbrissae
A torno i denti che ve par palae.

Mi l'ho tutte provae,
E trovo che la man dà più trastullo
Che no fano le tette, potta, o culo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Ve_ressolverò_mi_sto_dir,_o_potta&oldid=43100"