Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 1.djvu/6

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


PROTTESTA


SONETTO


Se ghe fosse qualcun, che dei stupori
    Fasse, perchè mi scrivo dei Sonetti,
    Dove drento ghe xe dei potacchietti,
    4E tutti al natural senza colori,

Ghe dirave, che i leza tutti i Autori;
    Che gà scritto de Donne, e de Amoretti;
    E i vederà, che sotto ai bei fioretti
    8Ghe stà nascosti i più lascivi Amori.

Sora tutti el Petrarca hà bù vittoria,
    Eppur no l'hà parlà, che d'una Dona;
    11E gnanca el l'hà lassada star in gloria.

Gran che! Mi averò biasmo, e lù Corona,
    Lù gà scritto un Romanzo, e mi un'Istoria;
    14Lù hà dito Laura, e mi ho dito Mona.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_1.djvu/6&oldid=60416"