Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/245

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


LA VOLPE PERDE 'L PELO, NÒ EL VIZIO.


SONETTO


Quanto più m'avvisino alla vecchiezza,
    Tanto più me fà voggia la puttana,
    O istinto sìa della Natura umana,
    4O sìa, perchè a sborar la mia xe avvezza.

Ma osservo, ch'in tei zorni d'allegrezza,
    Co se xe al fin, se fà assae più chiassana,
    L'ultima è in Carneval gran Settimana,
    8Tutti quanti se cava la cavezza;

Ghe sarìa una rason, che mi lassasse
    De più chiavar sto poco, che m'avvanza,
    11Se savesse de là, che se chiavasse;

Ma come, che xe morta ogni speranza,
    Che no ghè più puttane, nè bardasse,
    14Perchè hoggio da lassar sta bell'usanza?
                    Ah! Che fin, che gò panza

Voggio magnar, e voi per mio solazzo
    17Andar a Donne fina, che gò Cazzo.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/245&oldid=60743"