No ve maravegié, sia chi se vògia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
No ve maravegié, sia chi se vògia (Sonetto XXV)
XVI secolo
←  Sonetto XXIV. Mo se per far cognoser chiaramente Edission e fonte ▼ Sonetto XXVI. V'amo, fia, quanto posso, e si no v'amo  →
Altra edizion: Proemio (1817)

No ve maravegié, sia chi se vògia,
Che non usa una lengua pi pulìa,
Che se Domenedio m'ha dà la mia,
No vògio che una strania me la tògia.

Quel scriver grave xe un mestier da bògia,
Che ogn'un tel vuol tassar de longo via,
Mi così scrivo quel che ho in fantasia,
E con licenza incago a chi me sògia.

Questa è una lengua che è d'ogni savor,
Dove, che se vorò scriver toscan,
Bisogna per il più parlar d'amor.

Mi vuoi piaser, e no stentar da can,
Compono per humor no per honor,
Che no vorrìa partir col mondo in man.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=No_ve_maravegié,_sia_chi_se_vògia&oldid=67725"