Monologo de Pantalon

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
V. Monologo de Pantalon
el zorno che i ga inaugurà el Monumento Goldoni
(a Marco Praga)
1892
←  IV. A ela Edission e fonte ▼ VI. Confession  →
[p. 69 modifica]
V.


MONOLOGO DE PANTALON
EL ZORNO CHE I GA INAUGURÀ
EL

MONUMENTO GOLDONI1

(A MARCO PRAGA)


Se ancuo, che per Goldoni xe in festa el mio paese,
Vegno a far quatro ciacole, cussì, senza pretese;
Se ancuo lasso la tana, dove, solo soleto,
Vivo senza pensieri, lontan dal mondo e queto,
5Çerto voré scusarme, pensando a l'ocasion
Che fa montar in gringola el vecio Pantalon.
So vecio, vecio assae, pien d'armi e de schinele,
Ne la mia longa vita che n'ò passà de bele.
Go visto la republica de Samarco, che un zorno
10Portava fiera in testa e onorada el so corno,
Cavarselo, e butarse pianzendo in zenocion
Davanti a chi vegniva fra nu come paron.
Go visto el quarantoto, e in quei famosi dì,
Per Venezia ò soferto, ò combatuo anca mi.

[p. 70 modifica]

15E quando a la gran patria s'à unido sta çità,
E i tre colori el popolo in piazza ga piantà,
M'à parso che Venezia se svegiasse da un bruto
Sogno de squasi un secolo, e tanti ani de luto
Fusse in quel'ora santa cussì ben compensai,
20Che ò pianto, come forse no gavea pianto mai.
E ancuo torno fra el popolo, torno alegro e contento
Posto che al mio Goldoni s'à fato un monumento,
Posto che al gran artista, che m'à dà vita e onor,
Venezia ga dà prova de rispeto e de amor.
25Gran Goldoni! anca mi, per dir la verità,
Qualche aneto de fila cantar lo go lassà.
Gera anca mi fra i comiçi de l'arte, e (me vien su
Le fumane a pensarghe) credeva che mai più
Se dovesse in teatro cambiar la nostra strada,
30Sentir arte più bela de l'arte improvisada.
Ma presto me so acorto, che la gran arte nostra
Gera de robe ransie e falsità la mostra,
Quelo che ghe voleva a un publico indeçente,
Che rideva rideva, e no capiva gnente.
35Le done, a la comedia vegniva per parlar
Col Cavalier Servente e farse contemplar,
Co gran gusto, s'intende, del nobile marìo,
Che de tor la rivinçita, no se tegniva indrìo.
I patrizi e i borghesi a far bacan vegniva,
40A ziogar, a far çene, a zigar morte e viva
Intanto l'arte andava a gonfie vele; i stessi
Carateri, le stesse sempiae sempre. Proçessi,

[p. 71 modifica]

Bòte, fiabe, malore, urli, qualche barufa,
Insoma gran pastissi, de quei pieni de mufa...
45Ma xe vegnuo Goldoni: Verità, verità!
Zigando, in quela falsa corota società.
Verità, verità! copia fedel de quelo
Che esiste, no dei sogni che passa nel çervelo.
Verità su la scena! L'arte xe un sol che tuto
50Ilumina a sto mondo, el belo el bon el bruto.
E a le parole drio i fati. In pochi ani
Reformar el teatro ga visto i veneziani.
El publico travià dai comiçi a sogeto,
Che a l'arte ghe portava cussì poco respeto,
55Travià da çerte fiabe del Gozi, e, pezo assae,
Da un tal abate Chiari, mestro de trombonae,
In prinçipio ga fato visto storto e fiscià
Le produzion del nostro Goldoni, che à lotà
Senza reposo contro omeni e pregiudizi
60Doparando in teatro la scuria contro i vizi,
Burlando el patriziato nei conti e nei marchesi
Vegnui per far fortuna da lontani paesi,
Onorando ogni sera i bravi onesti e boni,
E butando el ridicolo sui tristi e sui bufoni.
65Quanta vita in quei zorni! che lote açerbe! che
Maldiçenze petegole de çircoli e cafè!
Chi sostegneva el Gozi, chi el Goldoni, ma presto
Aplaudir la reforma el publico à dovesto,
E portà a l'entusiasmo dal genio de Goldoni,
70Farghe festa ai Florindi, ai Lelii, ai Pantaloni.

[p. 72 modifica]

Le mascare de l'arte, ridote senza pan,
Xe andae via maledindo el nostro Venezian,
Tornando povarete tute ale so çità;
Fora de quela macia de Arlechin, che s'à dà
75A far l'omo politico, cambiando co fortuna
Le teorie de Stato, ogni cambiar de luna.
Mi, assae più furbo, omo de mondo e navegà,
A brasso de Goldoni, l'Italia go viazà,
E tuti al bon mercante ga fato de capelo,
80Tuti, senza la mascara, lo ga trovà più belo.
Grama comedia quela dei comiçi a sogeto,
Ziogo da tosi, senza vita, color, efeto.
Scoltè. Pena che i fioi vol far le prime prove,
De un teatrin de carta le marionete i move,
85E i ghe fa dir a tute spropositi e sempiae,
Intanto che la spatola de Arlechin dà legnae.
Ma co i deventa grandi, co i leze e scrive tanto
Che basta per capirli, alora, alora, quanto
Odio per el teatro de carte! i lo abandona
90Co le so marionete sora qualche poltrona,
E i reçita davanti a la mama e al papà,
Da lori la comedia ch'el mestro ga insegnà.
Ecove in miniatura, co un paragon preçiso
La comedia za scrita e quela a l'improviso.
95El genio de Goldoni ga dà figura e vita
A quei tochi de legno co la comedia scrita;
E portando in teatro l'arte e la verità,
Tuto un mondo de stupide fiabe l'à rebaltà.

[p. 73 modifica]

Do gran omeni pieni de forza, genio e cuor,
100Xe stai, ne l'altro secolo, de sta çità l'onor:
Emo che su le coste de l'Africa à portà
Fra quei popoli barbari la nostra çiviltà;
Goldoni, che, lotando senza stancarse mai,
I barbari de l'arte ga vinti e rovinai.
105Viva dunque Goldoni! viva la so reforma
Che a l'arte del teatro ga dà regola e norma.
E per darghe una prova de amor e devozion,
Scusè, crature, el povaro, ma onesto Pantalon.



Note a cura de l'autor
  1. Questo monologo doveva esser detto, la sera stessa dell'inaugurazione, giovedì 20 dicembre 1883, al teatro Goldoni, dove la compagnia Monti rallegrava con buone anticaglie e seccava con brutte novità il publico veneziano. Ma il signor Enrico Belli Blanes e il signor Angelo Zoppetti (soli due, che parlassero il nostro vernacolo) si rifiutarono di mandarlo a memoria, accusando, come giustificazione, la tirannia del tempo. Il signor Zoppetti con molta gentilezza, di che io pubblicamente lo ringrazio, mi proponeva di ridurlo in prosa; così egli lo avrebbe recitato, perchè - son parole de l'egregio brillante - caso mai gli fosse sfuggito di mente, avrebbe fabbricato qualche cosa di suo. Io, naturalmente, gli negai l'assenso, e non gli dissi tutto che mi suggeriva la sua strana idea perchè, vestito da non so qual buffo personaggio, doveva presentarsi al pubblico. Quel buon signore era ingenuo a tal punto da voler parlare contro la commedia dell'arte - come suona il monologo - facendola intanto per conto suo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Monologo_de_Pantalon&oldid=42469"