Madrigale per la venuta in Venezia di Sua Maestà Cesarea

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Madrigale
per la venuta in Venezia
di Sua Maestà Cesarea
e delle AA. II. gli Arciduchi fratelli
XVIII secolo
Edission e fonte ▼
[p. 126 modifica]
MADRIGALE


PER LA VENUTA IN VENEZIA

DI SUA MAESTÀ CESAREA

E DELLE AA. II. GLI ARCIDUCHI FRATELLI.


O Venezia, garetolo d'Italia,
     A razon ti è superba
     Perchè in sen ti ti ga
     Tre Altezze, ma reali,
     5E un Imperial Maestà!
     Xe vero che sti quatro
     Del Loronese Austriaco ilustre sangue
     I xe incogniti, e sconti
     Col titolo de Conti,
     10Ma sta Contea xe tanto trasparente
     Che ognun vede 'l real, no l'aparente.
     I viasa come 'l Sol
     Da drio a una nuvoleta,
     Ma come quelo sempre
     15Se rileva al splendor,
     Cussì questi se mostra al mondo e a nu
     Co la gran dignità, co le virtù.
     Li vedo a ochio neto,
     E i capisso assae più co l'inteleto;
     20E se beato son
     A vederli soltanto,
     Se podesse sentirli... oh Dio che incanto!
     Alora, amigo mio, te lo protesto
     Beatissimo sarìa più de Pio Sesto.


Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Madrigale_per_la_venuta_in_Venezia_di_Sua_Maestà_Cesarea&oldid=69080"