Le barufe in famegia/Atto primo

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Edission e fonte ▼ ATTO SECONDO  →

ATTO PRIMO[canbia]

Stanza nella casa di Momolo ammobiliata decentemente, ma senza lusso. - Una porta nel fondo e due laterali.

SCENA PRIMA[canbia]

Rosa, Emilia e Momolo
(Rosa lavora la calzetta; Emilia lavora al telaio).

MOMOLO: (uscendo dalla sua stanza): Betina! Betina! Stamatina no la m'à gnanca lustrà i stivai! Varé, tuto el veladon sporco da polvare.
ROSA: La go mandada a tor del zùcaro; no sara' za un gran delito se no la ga podesto lustrarte i stivaj. E po' ti ga to mugier, fàteli lustrar da ela.
EMILIA: (parla sempre con tutta tranquillità) Mi, siora, no ghe faso la serva a nissun.
ROSA: Caspita! La contessa perdaria la so nobiltà a ciapar la scovoleta e netarghe el veladon a so mario!
EMILIA: Contessa o da contar, la xe cussì e, se no ghe comoda, la se la barata.
MOMOLO: Ma via, no sté a criar! Varda, eco fato, me scovolarò mi. (Prende la spazzole e pulisce l’abito e le scarpe).
EMILIA: Me par che saria ora de darghe el benservio a quela petègola de dona che no la fa altro che smorosar per i balconi.
ROSA: Betina xe quatro ani che la me serve; la me xe afezionada, no la smorosa gnente afato e no la se ga da mandar via.
EMILIA: Oh! Per questo, la sa, che co me meto in testa una roba, xe come la gavesse otenuda.- Ciò, Momolo, varda da vegnir a casa a bonora ancùo; cossa vustu che diga Ubaldo del bel açeto che ghe femo?
MOMOLO: (continuando a lucidarsi le scarpe). Ti capissi ben che no posso lassar, per lu, l'ufizio.
EMILIA: E vustu che el staga a casa tuto el dì, o che vada mi a sbrindolon co' lu?
ROSA: El fiorentin da Ciosa che, per esser stà tre ani a Firenze, nol se ricorda più le strade e el dialeto de Venezia! El me pare el Stentarelo che go visto al Màlibean.
EMILIA: O Stentarelo o no Stentarelo xe cussì e la se ricorda de aver un poco de più bone maniere co’ mio zerman. Crèdela che no veda i dispetti, i musi, i sgarbi che la ghe fa?
MOMOLO:(Anca ancuo minaçia burasca).
ROSA: Dovevi far de manco de tor in casa quela cargadura.
EMILIA: Siora sì. Un mio zerman che ga usà tante gentilesse a mio papà quando el xe stà traslocà a Firenze, che adesso vien a far i bagni a Venezia, gavaressimo dovesto lassarlo andar al'ostarìa! Bona che anca in questo la go vinta mi.
ROSA: La gavé vinta perché mio fìo se lassa menar per el naso da vu, perché nol ga più amor per so mare. Ma finché sti oci xe averti la parona son mi; e se la gavé vinta sta volta, la sarà l'ultima.
EMILIA: Mi no me son maridada co' sti pati e in sta casa son parona anca mi. E sala cossa che go da dir? Che se ela no gavarà creanza co' Ubaldo, mi no ghe n'avarò co' siora Carlota, che da poco in qua no la fa che andar su e zo per le nostre scale.
ROSA: Un'altra da novo. Siora Carlota xe mare del moroso de mia fia, e la ga da vegnir ela e so fìo quando che i vol, perché lo vogio mi e son parona mi e sarà quelo che comando mi.
EMILIA: (canzonandola). Cucù.
ROSA: E se mio fio no savarà tegnirve a dover, trovarò mi la maniera de farme rispetar.
EMILIA: (canzonandola). Cucù.
ROSA: Cossa xé sti sesti? Cossa xe sto mincionar?
MOMOLO: Ma via, no te inquietar E ti tasi, fame la carità! De là ghe xe Ubaldo che dorme.
ROSA: Vardé aré! Che adesso no se podarà gnanca parlar per no disturbar el marchese!
MOMOLO: Ti ga rason. Via, no te inquietar, trovaremo rimedio.
EMLIA: Che rimedio, che rimedio? Ricordite ben che Ubaldo xe in casa e el ga da restar finché el torna a Firenze, e se ga da usarghe tuti i riguardi.
ROSA: Sentila, sentila!
MOMOLO: Ascolta mama, gabi pazienza, vardèmo da giustar sta storia. Ti no ti voressi che Ubaldo alogiasse da nualtri, ti ga rason, faressimo anca a to modo; ma ti capissi ben che adesso el xe in casa e no se pol dirghe che el vada via. Da resto s'imbate da poco tempo e un altro ano te prometo che nol vegnarà più.
ROSA: Ma za! Sicuro! Per darghe torto a to mare e rason a to mugier ti xe nato aposta.
MOMOLO: E ti, Emilia, ti capissi che la mama, in dei conti, la xe parona de riçever chi che la vol e speçialmente siora Carlota, che ga da esser la madona de mia sorela.
EMILIA: Si, caro, si; contradisime pur che ti ga rason.
MOMOLO: Ah! A proposito! Ancuo siora Carlota xe a disnar qua co' so fio; çerchemo che no ghe sia ràdeghi in famegia; feme sto piaçer, andemo via, sié bone tute do. Ancuo bisogna far un bel disnareto e star alegri. Andemo, ordiné vualtre quel che volé da disnar. Betina! Betina!

SCENA SECONDA[canbia]

Nene e detti

MOMOLO: Amia, no la xe gnancora tornada la Betina?
NENE: (tipo di zitellona che vorrebbe essere ancora giovane ed elegante). La ga portà el cafè a sior Ubaldo, adesso la vien.
MOMOLO: Nol se ga gnancora alzà mio zernan?
NENE: No, povareto; el xe sta a teatro, el xe vegnuo a casa tardi e po' el xe un poco costipà...
ROSA: Me par che la sia una bela increanza anca, star in leto fin le undese!
NENE: Eh! Mi no so cossa che ti gabi co' quel povaro zovene tanto bon, tanto compìto che el xe.
MOMOLO: (Manco mal che l'amia lo ga in bona!)
ROSA: Anca sì che adesso te càpita i to estri... Se intendemo za?
EMILIA: (Dasséno che la saria bela)
NENE: Mi no so cossa che ti vogi dir, sorela. (Ah! Ubaldo, tuti vede el ben che te vogio!)
MOMOLO: Ma Betina! Betina! Santa pazienza!

SCENA TERZA[canbia]

Bettina e detti

MOMOLO: Oimè'. Xe un'ora che te ciamo.
BETTINA: (giovane e piena di brio) El diga, no posso miga tèndar da diese parte, salo!
EMILIA: Caspita! No la se scalda, madama patafia.
BETTINA: Sala cossa che go da dir a ela? Che la mia parona xe quela (accennando a Rosa) e che no conosso altri che ela. (Si sdraia sul canapé).
EMILIA: Abi creanza, Betina, se no te la insegno mi!
ROSA: Eh! La se calmarà, siora! E ti no badarghe e fa quel che te ordino mi.
EMILIA: Me farò badar mi.
MOMOLO: Ma vedeu per che sempiessi che trové da dir? Lassemo andar ste storie, e piutosto òrdìnighe quel che la ga da tor da disnar.
ROSA: Che la toga tanto tòssego da darghe a chi digo mi.
EMILIA: Che la toga tanti limoni per farghe passar la bile a chi digo mi.
MOMOLO: (Che zornadina che se prepara ancuo!) Fame el piaçer, mama, ordina ti da disnar.
ROSA: Mi son peso de una scoassa in sta casa, dunque no me ne intrigo.
MOMOLO: Alora, Emilia, ordina ti.
EMILIA: (chiudendosi la bocca) Um!
MOMOLO: Ordina ti, amia.
NENE: Vecio mio, ti sa che el magnar xe el mio ultimo pensier. Ah! (Sospira).
MOMOLO: Ben! Vustu che femo i risi coi pomidoro, mama?
ROSA: Mi son una scoassa.
MOMOLO: E ti?
EMILIA: (chiudendosi la bocca) Um!
MOMOLO: Alora tol i pomidoro per i risi. E quante lire de carne ghe vorà, mama?
ROSA: Scoassa, scoassa.
MOMOLO: Quante lire, Emilia?
EMILIA: Um!
ROSA: Mi, peraltro, no me piase i risi coi pomidoro.
MOMOLO: Ben, ordina, cossa vustu
ROSA: Che la toga dela pasta da far conza.
EMILIA: Co la ga da ordinar ela, ordino anca mi. Ti torà del riso...
ROSA: E mi te digo che ti toghi dela pasta...
MOMOLO: Sentì, quieteve, femo cussì: tolemo metà riso e metà pasta...
ROSA: No se ga da far dopia spesa.
EMILIA: O ti tol el riso o no vegno a tola.
MOMOLO: Ma pensé che gavemo zente a disnar, no fé ciassi...
EMILIA: Quel che go dito go scrito. O el riso o no vegno a tola (Via a sinistra).
BETTINA: Voelo che ghe la diga? Mi no devento mata e la spesa el vada a farsela lu. (Via).
MOMOLO: Ben! E vualtre sté senza magnar.
NENE: Ma creature mie, cossa voleu che diga la zente? Cossa voleu che diga quel povaro sior Ubaldo sentindo...
ROSA: Eh! no me secar l'anima, vecia spiritada.
NENE: (Oh! Che casa! Che casa!)

SCENA QUARTA[canbia]

Momolo e Rosa

ROSA: (si alza) Adesso, posto che semo soli, ascoltime e ricordite che te lo digo per l'ultima volta. Xe quarant'ani che stago in sta casa; qua me son maridada, qua sé nati vualtri e la parona so stada sempre mi e nissun me ga messo le man davanti e no sofrirò che to mugier gabia da esser quela...
MOMOLO: Sì mama, ti ga rason, trovaremo rimedio...
ROSA: Trovaremo rimedio, trovaremo rimedio! E intanto ti lassi che fassa quel che vol. Se fosse vivo to povero pare no la sarìa cussì; ma ti no ti ga più amor per mi, eulia te ga proprio infatuà.
Momolo: Te vogio ben tanto che no go volesto dividarme da ti co me son maridà; ma ti capissi ben che in fin dei conti, la xe mia mugier...
Rosa: Eco, no lo so mi? La xe to mugier e zo, sapèmoghe sora a sta strassa de vecia!
Momolo: Ben via, lassa far a mi; me farò sentir, ghe sigarò, la strapassarò...Ma adesso bisogna che vada in ufizio perchè co' ste ciacole me son anca intardigà.
Rosa: Dunque semo intesi, ti me ga capio. Dighe che la se ricorda de aver creanza, de aver rispeto per mi, se no ghe la savarò insegnar mi. Dighe che lo la strapassa Betina che a ela no la ghe fa gnente, che la me comoda a mi, che ghe vogio ben e che no la andarà via de qua. Dighe che la prega el so Santo protetor de farghe la più picola malagrazia a siora Carlota, se la vol vedar un vero preçipizio.
Perché mi son bona, perché mi no parlo mai, ma co i me ponze sul vivo, co i me tira per i cavei, sanguenon de diana, no go paura de un regimento de granatieri. (Esce).

SCENA QUINTA[canbia]

Momolo, poi Emilia

MOMOLO: Oh! Che vita! Che vita! Figurarse! La mare, la mugier, l'amia, la sorela e la serva! Cinque done in una casa... Come che una no fusse za tropo. E mi in mezo a gòdarmele. Oh! Andemo in ufizio. (Fa per uscire).
EMILIA: (entrando) Oh! Bravo! Cossa te ga dito to mare fin adesso?
MOMOLO: Gnente, le solite robe. Ti sa, la xe vecia, bisogna che, anca ti, ti la compatissi, no ti ghe fassi dispeti. Mi voria vedarve in pase, in bona armonia
EMILIA: Xe impossibile.
MOMOLO: Ma percossa?
EMiLIA: (Sempre con flemma). Perché to mama xe fastidiosa, sufistica, puntiliosa, colerica, rabiosa.
MOMOLO: e ti che ti conossi el so caratere e che ti xe una dona prudente...ti dovaressi schivar le ocasion de radegar.
EMILIA: Mi no vado mai in còlera, mi no crio mai.
MOMOLO: Xe vero ma co' la to flema dele volte ti fa pezo che ela col so fogo.
EMILIA: la voria rendarme s'ciava...
MOMOLO: E ti ti tol tuto sula pont dela spada.
EMILIA: Dunque ti me dà torto?
MOMOLO: No, anzi voria...
EMILIA: Ben, ben, sastu cossa che farò? Andarò a Firenze cola mia famegia.
MOMOLO: Ma via! No ti me vol più ben? Cossa t'ogio fato mi?
EMILIA: Ti xe un pampe che stà ancora tacà ale còtole dela mama. Làssila impiantada una volta!
MOMOLO: Vedistu, cola to pachèa, che bel sugerimento che ti me da? Lassarò mia mare adesso che la xe vecia, che la ga bisogno de mi! Via, a poco a poco ti vedarà che andaré d'acordo, perché in fondo sé do paste de rocaro... Procura de farte voler ben...
EMILIA: Co' quela striga xe impossibile.
MOMOLO: Ma po', Emilia, Striga a mia mama?
EMILIA: Striga, striga, striga (Sempre con calma)
Ma no ti vedi, martufo, i dispeti che la ghe fa a Ubaldo? Bona che el xe mezo incocalìo, da resto faressimo una bela figura. No ti vedi, camòma che Betina me càlcola manco de una savata? No ti vedi, pampe, co' che aria de sussiego me trata siora Carlota e quel tàngaro de so fio? Ma cossa sogio mi? Ma co' chi crèdeli de aver da far?
MOMOLO: Ti ga rason, via, trovaremo rimedio.
EMILIA: Malegnaso! El rimedio, lo trovarò mi una volat o l'altra.
MOMOLO: Emilia... dime... ti ga dito per scherzo... de voler andar...da to papà, ah?
EMILIA: No so gnente, mi.
MOMOLO: (accarezzandola). Andemo, Emilia...
EMILIA: Va là, va là, che no ghe xe bisogno de sti smorfiessi. Passa dala sartora e dala modista e dighe che le me porta l'abito e el capelo novo. Dighe a Betina che la vegna qua.
MOMOLO: Va ben. (Cussì posso far de manco de andar in ufizio; no me mancaria altro che i me metesse in disponibilità. Ah! Santa pazienza!) (Esce).

SCENA SESTA[canbia]

Emilia, poi Bettina

EMILIA: Eh! Mi senza scaldarme, senza far sussuri ridurò tuti a far a mio modo. Co fisso un ciodo vogio spuntarla a qualunque costo.
BETTINA: Xela ela che me ciama?
EMILIA: Varda che da disnar vogio che ti toghi quelo che t'ho dito mi.
BETTINA: E mi, per far megio, no torò gnente.
EMILIA: Cussì risponde le vilane e le calère.
BETTINA: A mi calèra?
EMILIA: Oh! Caspita, chi xela siora? La me lo diga, perché no manca de far i mii doveri.
BETTINA: Mio pare façeva el barbier e el gaveva per man le teste dei primi signori de Venezia; e adesso vedo proprio che siora Carlota ga rason a dir che la xe una superba, una puntiliosa...
EMILIA: Ah! Siora Carlota ga dito...? Ah! Ti intanto ti xe una calèra e te lo confermarò co' qualcossa sul muso.
BETTINA: La xe morta, siora, quela che podeva darme...

SCENA SETTIMA[canbia]

Orsolina e dette, poi via Bettina

ORSOLINA: Oh! Per miracolo se cria.
EMILIA: (A mi superba...? e po' Dio sa cossa che la gavarà dito ancora!) Intanto ti, calèra, va in cusina e ricordite de quel che t'ò promesso.
BETTINA: Vado perché go prudenza, la varda. (Una volta o l'altra me ricordo del mistier de mio pare e ghe pèteno la paruca dasseno, mi!) (Esce).
ORSOLINA: Par impossibile che no se gabia da aver un'ora de ben, in sta casa.
EMILIA: Eh! Come ti, presto ti te maridi e la xe finia.
ORSOLINA: Oh! Ghe vorà ancora tempo, perché Toni aspeta...
EMILIA: De deventar ministro?
ORSOLINA: No! deventarà ministro, ma se el gavarà giudizio el podarà farse una bona posizion.
EMILIA: Me ne consòlo tanto e po' tanto co' ti (Ah! A mi superba? Aspeta vecia che te conzarò mi!).
ORSOLINA: Eh! Capisso sa, Emilia, quelo che ti vol dir. E, dopo tuto, vedo anca mi che essendo fia de un impiegato, sorela de un impiegato, podaria trovar qualcossa de megio che un zovene de mezà.
EMILIA: E po' co' quela so mama ti starà fresca, vecia. Mi parlo, sastu, perché te vogio ben e voria vedarte contenta.
ORSOLINA: Anca mi te vogio ben, anzi saremo sempre bone amighe nualtre, no xe vero? E se gavarò qualche segreto... te lo confidarò a ti...
EMILIA: Ma sì, vissere mie, sì...

SCENA OTTAVA[canbia]

Carlotta, Toni e dette

CARLOTTA: Compermesso, se pol? Siora Emilia patrona, bondì Orsolina.
EMILIA: Patrona siora Carlota...
TONI: Sior'Emilia... (Cerca di avvicinarsi all'Orsolina, ma questa lo schiva).
EMILIA: Riverito.
ORSOLINA: Vado avisar la mama che la xe vegnua. (Esce).
EMILIA: E mi vado un momentin de là. Compermesso...
CARLOTTA: La se còmoda, la prego.
EMILIA: (Sta quieta che te la farò pagar salada). (Via).

SCENA NONA[canbia]

Carlotta e Toni

TONI: (in collera) Sia malegnaso! Za qualcossa ga da esserghe soto, perché, da poco tempo in qua, la Orsolina ga cambià co' mi dal zorno ala note.
CARLOTTA: Cossa gastu? Che grili te salta?
TONI: Go, che se vede ciaro che l'Orsolina no me vol più ben; la me saluda apena, la me fa tanto de muso, la schiva l'ocasion de parlarme... Ma, sangue de diana, che se no la me vol più, me vado a negar.
CARLOTTA: Eh! Sior stòlido! Xela questa la maniera de parlar co' so mare?
TONI: Mi scometo che xe quela superba de so cugnada che la mete suso; ma che la varda ben quel che la fa perché son muso capaçe...
CARLOTTA: Ciò, bambin? Abi giudizio, sa! No far putelessi, lassa far a mi, parlarò co' siora Rosa, ma ti no startene a impassar.

SCENA DECIMA[canbia]

Detti e Rosa

ROSA: Benedeta siora Carlota; Toni bondì, vecio.
CARLOTTA: Cara siora Rosa, come stala, stala ben?
TONI: Servitorsuo siora Rosa.
ROSA: No ghe xe mal, grazie, e ela anca? E ti, no se parla za? Ma la se cava el capelo, la se meta in libertà.
CARLOTTA: Sì' grazie. Ancuo xe un sòfego che fa andar via i sentimenti. Per vegnir da casa a qua son tuta in tun'aqua.
ROSA: Benedeto l'inverno, siora Carlota! Almanco se pol mòvarse, se pol far i fati sui.
TONI: Se la me permete, vado in mezà e tornarò da qua un per de ore, cussì andaremo a far quatro passi. (Piano a Carlotta). Varda de dirghe qualcossa, de saver...
CARLOTTA: (piano a Toni) Ma sì, sì, va là. (Toni esce). Benedeti tosi, i xe tuto fogo, no i ga un fià de sofarenza e i ne fa combatar nualtre. (Si siedono ambedue)
ROSA: Eh! Benedeta ela, siora Carlota! Ai dì de ancuo xe difiçile trovar un toso come el so Toni. Ancuo no se vede altro che dele fregole longhe un deo, ch ga, co' bon rispetto parlando ancora la boca de late e che va a spasso col so mato o sigareto in boca, col capelo in banda; e se sente çerti discorsi da quele boche che faria vogia de pestarghe el muso co' una savata. Ma el so Toni! Siestu benedeto, el par fato a posta per mia fia!
CARLOTTA: Za che semo su sto discorso, gavaria da dirghe qualcosseta. Robe da fioi, sala, sempiae! Ma in sti afari bisogna andar coi pié de piombo.
ROSA: La me diga, la me conta.
CARLOTTA: El dise Toni, e me par anca mi, che da poco tempo l'Orsolina ga cambià molto a so riguardo...
ROSA: Eh! Cossa disela?
CARLOTTA: Sì dasseno. Se vede che lo schiva che la lo varda col muso duro, cossa sogio mi. Anzi se la vol che ghe diga la verità me xe vegnuo un sospeto. Che dele volte so niora no la metesse suso? Me son acorta da un toco che no la me vede de bon ocio e no so po' percossa. Infin dei conti la mia casa xe civil e onorata quanto la sua...
ROSA: E più dela sua anca!
CARLOTTA: E no capirla percossa che la gavesse co' mi. Vedo d'altra parte, che l'Orsolina va assae d'acordo co' so niora; anca za un fià, le gera qua che le parlava in confidenza...
ROSA: Eh, la sa mia fia che no vogio che la gabia afari co' culia! Ma che la varda ben de no tocarme la mia creatura, de no scaldarghe la testa...
CARLOTTA: Ma via, no la se àltera, siora rosa, pol esser che no sia vero...
ROSA: Se la savesse, cara ela quante pirole amare che ingioto per causa de quela dona.
CARLOTTA: Me stupisso de sior Momolo mi!
ROSA: Eh! Mio fio che da che el se ga maridà, el ga perso la testa, el xe deventà un... oh! Signor perdonème che la diseva grossa.
CARLOTTA: E sì, credo che no la gabia portà sta gran dota.
ROSA: (ironica). Oh! Cossa disela? La ga i so beni viçin ai nostri, siora!
CARLOTTA: Dove?
ROSA: (ironica). Ciò? De là de Lio, verso l’isola de Candia, ghe dirò. (Cambiando tono) . La ga portà quattro strasse che, da resto, se pol dir che el l’à tolta cola pura camisa. E ancora la ga tante arie, e ancora...

SCENA UNDICESIMA[canbia]

Momolo, Ubaldo, Nene e dette

MOMOLO: Patrona, siora Carlota.
CARLOTTA: Sior Momolo benedeto.
UBALDO: (entrando). Signore, i miei ossequi. (Ubaldo affetta sempre l'accento fiorentino).
ROSA: Riverito sior...
CARLOTT'A: Serva sior.
UBALDO: Sta bene, signora Rosa? Ha dormito bene?
ROSA: Grazie, benon.
UBALDO: Oh! Gerolamo! Tu pure così mattiniero?
MOMOLO: Ciò, xe l’alba de mezogiorno, sastu?
UBALDO: Davvero? Quando dormo il tempo mi fugge rapidissimo.
MOMOLO: (Va là, anca ti ti xe una bela macia).
ROSA: (a Carlotta). Se la me permette, vado vestirme. (Piano). El me xe cussì antipatico che no lo posso digerir.
CARLOTTA: (piano a Rosa). El xe proprio un tipo da « Sior Tonin Bonagrazia ».

SCENA DODICESIMA[canbia]

Detti, meno Rosa

NENE: (guardando sempre Ubaldo). (Che ociae assassine che el me dà).
UBALDO: (Non so che cos'abbia quella vecchia che mi guarda sempre con tanto interesse).
MOMOLO: (Qua xe mezodi e se ga ancora da tor la carne. Saria megio deboto,.. Ciò, provemo). Siora Carlota, Ubaldo, bisognaria che me façessi un gran piazer. Stamattina mia mama e mia mugier ga trovà da dir per robe de casa, savé, i soliti sempiessi, e sicome che voria che almanco la festa se gavesse un poco de pase in famegia, la dovaria ela siora Carlota parlar co' la mama, ti Ubaldo co' mia mugier, dirghe che le se daga un baso, che la sia fenia! E in premio dela pase tolemo su tuti e andemo a disnar a Mestre. Ghe despiase, siora Carlota?
CARLOTTA: Mi? El se figura!
MOMOLO: E ti te seca, Ubaldo?
UBALDO: Io sono, come si dice qui da voi, parzémolo.
MOMOLO: Alora me racomando a vualtri; çerché de ridurle a far pase, perché, se parlo mi, xe istesso che parla el muro.
CARLOTTA: Nol dubita de gnente. Za nualtre done se roseghemo un poco, ma la ne passa presto. (Entra in camera di Rosa).
UBALDO: Lascia fare a me. Per fare il paciere mi sento una decisa vocazione. (Entra in camera di Emilia)
NENE: (Che cuor d'oro ch'el ga!).

SCENA TREDICESIMA[canbia]

Momolo, Nene, poi Orsolina e Bettina

MOMOLO: Mi so qua che tremo! Vedaremo se i xe boni de giustarla. Se no, xe un afar serio.
NENE: (Stasera a Mestre, al ciaro de luna, viçin de lù, fra el verde de la campagna!... Oh! Che poesia! Che poesia!).
BETTINA: (entrando dalla camera di Rosa, con Orsolina). Paron, paron, xe vero che andemo a disnar a Mestre?
MOMOLO: Vustu vegnir anca ti, adesso?
BETTINA: Per diana de dia, so serada sempre in casa...
MOMOLO: Sì, sì te conduò anca ti, bastea che adesso tasè tute, che no metè la vostra pesseta.
BETTINA: Eh! Ma star a vedar se le farà pase! So mugier xe cussì ostinada...
MOMOLO: Sst...tasé che la xe qua. Andé là in fondo, no arfié, tasé per carità (Par che le se cala).

SCENA QUATTORDICESIMA[canbia]

Carlotta e Rosa da una parte, Ubaldo ed Emilia dall'altra e detti.

ROSA: (trascinata da Carlotta). Ma no, la me lassa? Xe inutile!
CARLOTTA: Andemo la sia bona. La daga el bon esempio.
EMILIA: (ad Ubddo). Xe per farte un piaçer a ti, sa.
UBALDO: A me, a Gerolamo, a tutti. (Auff! Che fatica!).
ROSA: (a Carlotta). No la vede che la se fa strassinar da quel moscardin?...
EMILIA: (ad Ubaldo) No ti vedi che la ga bisogno de farse pregar...
MOMOLO: (nel mezzo, timidamente). Via creature, pacificheve, no badé a ste sempiae. Andemo mama, fame sto piaçer, ti vedarà che in segnito...
ORSOLINA: (ad Emilia) Fame sto piazer Emilia, che andemo a Mestre! (A poco a poco Rosa condotta da Carlotta e da Momolo, ed Emilia spinta da Ubaldo e da Orsolina, si avvicinano).
BETTINA: (vedendole quasi sul punto di baciarsi). Tanto ghe voleva!
EMILIA: Cossa ghe entristu ti?
MOMOLO: Ma tasi co' quela maledeta lengua!
ROSA: No serve che ti la strapassi, sa!
BETTINA: Varé quanti smorfiessi. E po' no se ga da dirghe ostinada!
EMILIA: (rapidamente). Ciò Betina, sastu cossa farò mi?
BETTINA: (rapidamente). Cossa farala, siora?
EMILIA: (rapidamente). Te darò un s’ciafo. (Glielo dà).
ROSA: (rapidamente) Un s’ciafo a Betina? Ala mia dona?
EMILIA: (rapidamente). Questa xe la mostra, in seguito vegnarà el resto.
ROSA: (rapidamente). Ma se ga mai visto una cossa compagna? Quela xe un serpente, una fiera e no una dona! (A Momolo). O fora ela o fora mi! (Esce in furia seguita da Carlotta).
EMILIA: (A Momolo) O fora ela o fora mi! (Parte seguita da Ubaldo. Orsolina intanto consola Bettina che piange).
NENE: (Che bela ocasion che go perso!)
MOMOLO: (calcandosi in capo il cappello). Adesso che le ga fato pase, andemo a Mestre... cole caponère! (Via).

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Le_barufe_in_famegia/Atto_primo&oldid=48174"