La crose del coléra

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
XIX. La crose del coléra
1886
←  XVIII. El gobo de Rialto Edission e fonte ▼ XX. La suplica de Purichinela  →
[p. 181 modifica]
XIX.


LA CROSE DEL COLÉRA

(1886)


[p. 183 modifica]

Esser qua co' sto bel ospite
     Che ne impesta campi e case,
     Co un nemìgo che dei medici
     Se ne impipa e fa e tase,
     5E a capriccio, senza regola,
     Segna, copa e porta via:
     Oh che Crose, mama mia!

Vedar gropi de famegie
     Scampar via col mal de panza:
     10Boteghieri squasi in ozio,
     Barcarioi che fa vacanza:
     Un silenzio, una miseria,
     Che ve fa malinconia;
     Oh che crose, mama mia!

[p. 184 modifica]

15Aver sempre ne le rechie
     Comitati su le mosse;
     Sozietà private e publiche,
     Crose verde, crose rosse,
     Crose in vista a tanti medici
     20Che à studià la malatia;
     Quante crose, mama mia!

E, per zonta a sti spetacoli,
     Sechie ai pozzi coi piantoni:
     E spazzini che ve semena
     25I profumi sui cantoni:
     E una piova de specifici
     Tuti el megio che ghe sia:
     Che scravazzo, mama mia!

Giornalisti che ve predica
     30De quel mal matina e sera;
     Diletanti che la critica
     Fa a le liste del coléra,
     E a la borsa del so prossimo,
     Su le oferte, fa la spia;
     35O che crose, mama mia!

[p. 185 modifica]

E pazienza ste miserie!
     Ma una coa pezo de questa
     In scondon ghe mete el diavolo
     Che riesse più funesta.
     40Ah, sta zonta più teribile,
     Ah, sta crose soto via,
     Che tormento, mama mia!

Sì, purtropo, a certi indizii
     Se lo vede, se lo intende;
     45Co sti brodi, co ste tessere.1
     Qualcoss'altro se pretende...!
     Sì, buon cuor, ma co' la maschera:
     Carità, ma travestia;
     Oh! che crose, mama mia!

50Mi per mi, se co sti fremiti
     Co ste smanie, co sto zelo,
     Se intendesse dai filantropi
     Far la simia del Vangelo,
     E far guera a Cristo e a l'anime
     55Co sta fina ipocrisia,
     Cigo: «In guardia, anima mia!»

[p. 186 modifica]

«I to conti meti in ordine,
     Sta col Papa, sta col prete:
     A un bisogno chiama el medico,
     60Senza perder la to quiete.
     Ma del resto del zogatolo
     Che i sol dir filantropia
     No fidarte, anema miai

«Va piutosto in Chiesa o in camera,
     65Va davanti alla Madona,
     A sta Madre potentissima
     Tanto granda e tanto bona;
     E là dighe: «Dal pericolo
     De ste crose sotovia
     70Libereme, Mama mia!»




Note
  1. [p. 189]brodi.... tessere — Sono le distribuzioni più meno gratuite, con marca o senza, che in più parti della città si fecero ai poveri da parte di qualche Società o Comitato. Non occorrerebbe dirlo, ma per maggior evidenza giova dichiarare, che non s'intende qui alludere a nessuno di quei benemeriti, che per vero e semplice impulso di umanità si prestarono a raccogliere distribuire soccorsi: sibbene a quelli che della carità si fossero valsi, come di pretesto o strumento, a fini per avventura partigiani o anticristiani.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_crose_del_coléra&oldid=48161"