La beltà, la virtù, la cortesia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
La beltà, la virtù, la cortesia (Sonetto XXVII)
XVI secolo
←  Sonetto XXVI. V'amo, fia, quanto posso, e si no v'amo Edission e fonte ▼ Sonetto XXVIII. Amor, va' drio cusì, nàvega e tien  →
Altra edizion: Grande osservanza in amore (1817)

La beltà, la virtù, la cortesia,
Che ho visto, vita mia, nome in vu sola,
Me tien picà de muodo per la golla
C'ho l'anema in tel cuor tutta smarìa.

Ma perché vu sè in mi tutta scolpìa,
Più fitta che no è un groppo in t'una tola,
Non ho perso la vose e la parola,
Siando vu vera e propria anema mia.

Un fervente pensier xe stà el scalpello,
Amor el mistro, e 'l sasso è stà el mio cuor,
E 'l saldo mio dolor duro martello.

E mi mo, che ho dal ciel tanto favor,
E che vedo un retratto così bello,
Adoro la mia stella e 'l dio d'Amor.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=La_beltà,_la_virtù,_la_cortesia&oldid=67897"