In lode di Bianca Cappello duchessa di Toscana

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
In lode di Bianca Cappello duchessa di Toscana
XVI secolo
Edission e fonte ▼
[p. 91 modifica]
IN LODE

DI BIANCA CAPPELLO

DUCHESSA DI TOSCANA


CANZONE


Donca dal mio cantar
     Ogni beltà più strana e più lontana
     Averà tuto quel che 'l pol mai dar,
     E sta pena vilana
     5No vorà almanco un pochetin lodar
     Tanta belezza e cortesia paesana?
     Musa Veneziana,
     La bate qua la reputazion:
     E Modòna e Corezo
     10E mile volte pezo
     Va gloriose de le to' Canzon,
     E l'onor de Venezia e de Fiorenza,
     Anzi del mondo ghe ne starà senza?

[p. 92 modifica]


Su, su, che te convien
     15Meter del bon; nò che ghe sia fadiga,
     Ch'assae resplende 'l Sol quando è seren,
     Ma perchè no se diga
     Che solamente riussimo ben
     Con qualche sugetin de bassa liga.
     20Qua no gh'acade miga
     Tropi colori, nè tropa poesìa;
     S'à da dir pan al pan,
     Lodar i ochi e le man
     Per quel ch'i è in fato senza dir busìa;
     25Che s'i ochi ardesse, o le man fusse neve
     Questa e quela belezza sarìa breve.

Dona bela e real,
     Rica de tut'i beni de fortuna,
     Più rica assae de quei che assae più vai,
     30E richissima d'una
     Parte ch'avanza ogn'altro don mortal
     Senza la qual no val grazia nessuna;
     Più reverìa d'ogn'una,
     Abondante d'amici e servidori
     35Tuti agiutai da vu;
     Che se pol bramar più
     Che d'ogn'intorno aver devoti cuori,
     E che fazza ogn'un d'essi quanto 'l sa?
     Tanto 'l diè sempre più quanto più 'l dà.

[p. 93 modifica]


40Quela rara belezza,
     Tuta fata per man de la Natura
     Senz'agiuto nè d'aqua nè de pezza;
     Pol comparir segura
     In ogni paragon; che de certezza
     45Ogn'altra perderà la so' ventura.
     Vita fata a mesura,
     Fazza proporzionà, chiara e ridente,
     Ochi vaghi, amorosi,
     Lavri rossi e vistosi,
     50Boca tuta zentil, dov'ogni dente
     Val assae più de bianchezza lu solo
     Che quel bel fil de perle ch' avè al colo.

Tante zogie, tant'oro,
     Tanti drapi de sea, tanti ducati,
     55Tante delizie, e alfin tanto tesoro
     Che renderla beati
     Cento par mii, quand'anca ognun de loro
     Se strapazzasse zo rasi e scarlati;
     Tuti no ghe xe ati,
     60Ma a vu ghe ne xe sta larga la sorte,
     A vu che aidè i pupili
     E i spiriti zentili,
     E suplì a le disgrazie de la sorte.
     Qualch'un el sa che senza 'l favor vostro
     65Saria de la Fortuna al mondo un mostro.

[p. 94 modifica]


Seno, valor, inzegno,
     Destrezza, gran maniere, alto pensier;
     Modesta vogia e merito d'un regno,
     Sì prudente parer
     70Che no gh'ariva ognun miga a quel segno;
     E sia pur Savio Grando o Consegier;
     Infinito piaser
     De giovar con efeti e con parole;
     Passar de vigilanza
     75Chi ve fa qualche istanza;
     Vertù, grazie e creanze al mondo sole;
     Quest'è altr'oro, altre zogie, e queste stesse,
     Spendè quanto volè, sempre le cresse.

De i amici ò dito e digo,
     80Che quest'è un capitai che i passa tuti,
     Che val più ch'un tesoro un bon amigo.
     Quanti avè mai conduti
     In gran felicità, fuora d'intrigo!
     Altri avè in dolce servitù reduti.
     85Oh benedeti fruti
     De vertù e de fortuna zonte insieme!
     Oh de tanto contento
     Soave condimento,
     Vive belezze, a mio giudizio, estreme!
     90Ma che giudizio è 'l mio in tanta impresa?
     Deh acetè 'l cuor se 'l dir ve fesse ofesa.

[p. 95 modifica]


Mare del Dio d'Amor;
     Superba ancora de l'alta sentenza
     Ch'à dà el Pastor Trojan in to' favor,
     95Te prego, abi pazienza,
     Che no me move invidia del to' onor,
     E molto manco altra malevolenza.
     Se fusse in to' presenza,
     E che ghe fusse anch'Elena in persona,
     100Lu che t'à donà 'l pomo,
     A far da galant'omo,
     El ghen farìa do' parte, e la più bona
     Sarìa de st'altra Dea che digo mi,
     Nassua in mar pur, ma ben dopo de ti.

105E se per oferir
     S'avesse da coromper el giudizio,
     Co ti à inamorà un l'è finì el dir;
     Questa pol far l'ofizio
     De Giunon e de Palade, in fornir
     110La zente de' richezza e de giudizio.
     Del terzo benefizio,
     Che speta a ti, no vòi dir se no questo:
     Paris, gramo, meschin,
     Ti 'l mandi peregrin
     115Cercando Amor che se à da tior in presto.
     Questa à belezza in cà sì pelegrina
     Che farìa parer dolce ogni rovina.

[p. 96 modifica]


Canzon, sta vita è un loto
     Con poche grazie, e de le bianche assai!
     120Mile se ne lamenta
     Per un che se contenta,
     Ma no gh'è stà si rica grazia mai!
     A tute l'altre qualche cossa manca,
     Qua stà tute le grazie in t'una Bianca.