Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/92

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Su, su, che te convien
     15Meter del bon; nò che ghe sia fadiga,
     Ch'assae resplende 'l Sol quando è seren,
     Ma perchè no se diga
     Che solamente riussimo ben
     Con qualche sugetin de bassa liga.
     20Qua no gh'acade miga
     Tropi colori, nè tropa poesìa;
     S'à da dir pan al pan,
     Lodar i ochi e le man
     Per quel ch'i è in fato senza dir busìa;
     25Che s'i ochi ardesse, o le man fusse neve
     Questa e quela belezza sarìa breve.

Dona bela e real,
     Rica de tut'i beni de fortuna,
     Più rica assae de quei che assae più vai,
     30E richissima d'una
     Parte ch'avanza ogn'altro don mortal
     Senza la qual no val grazia nessuna;
     Più reverìa d'ogn'una,
     Abondante d'amici e servidori
     35Tuti agiutai da vu;
     Che se pol bramar più
     Che d'ogn'intorno aver devoti cuori,
     E che fazza ogn'un d'essi quanto 'l sa?
     Tanto 'l diè sempre più quanto più 'l dà.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/92&oldid=64151"