Pagina:Poeti antichi del dialetto veneziano 2.djvu/94

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.



Seno, valor, inzegno,
     Destrezza, gran maniere, alto pensier;
     Modesta vogia e merito d'un regno,
     Sì prudente parer
     70Che no gh'ariva ognun miga a quel segno;
     E sia pur Savio Grando o Consegier;
     Infinito piaser
     De giovar con efeti e con parole;
     Passar de vigilanza
     75Chi ve fa qualche istanza;
     Vertù, grazie e creanze al mondo sole;
     Quest'è altr'oro, altre zogie, e queste stesse,
     Spendè quanto volè, sempre le cresse.

De i amici ò dito e digo,
     80Che quest'è un capitai che i passa tuti,
     Che val più ch'un tesoro un bon amigo.
     Quanti avè mai conduti
     In gran felicità, fuora d'intrigo!
     Altri avè in dolce servitù reduti.
     85Oh benedeti fruti
     De vertù e de fortuna zonte insieme!
     Oh de tanto contento
     Soave condimento,
     Vive belezze, a mio giudizio, estreme!
     90Ma che giudizio è 'l mio in tanta impresa?
     Deh acetè 'l cuor se 'l dir ve fesse ofesa.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Poeti_antichi_del_dialetto_veneziano_2.djvu/94&oldid=64153"