Il mal costume in Venezia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
Il malcostume in Venezia
XVIII secolo
Edission e fonte ▼
Altra edizion: Il mal costume in Venezia (1817)
[p. 123 modifica]
IL MAL COSTUME IN VENEZIA
SONETTO.


Sordo come che son ziro e spassiso
     Osservando el moral de sta Venezia.
     Più che'l spirito vedo assae l'inezia;
     4Più che saviezza vedo chiasso e riso;

Vedo l'omo d'onor squalido e sbriso;
     Vedo el doto giazzà più de la Svezia;
     Vedo patria e virtù tuto in facezia;
     8Vedo Caton, ma lo vedo deriso;

Vedo qualche Lugrezia che consola;
     Vedo Livia e Pompea sempre afolada:
     11E vedo quela col bel Silvio sola;

Vedo arti e comercio zo de strada;
     Vedo lusso, superbia, ozio e gola...
     14Ah! Venezia d'un dì dov'estu andada?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Il_mal_costume_in_Venezia&oldid=69064"