Pagina:Raccolta di poesie in dialetto veneziano 1845.djvu/131

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


     Fanatica sublima el caro Pich.
     Caro Liarca mio, nu femo crich!


STORIA
TRATTA DA PLUTARCO.


Sta matina mi ò leto
     Sul celebre Plutarco
     Una cosa che vedo
     Imitada in gran parte
     5Sul stato de S. Marco.
     Lu dise, che Caton,
     Omo severo, Senator giustissimo,
     A' imprestà la mugier publicamente
     Al Senator Ortensio, el qual smaniava
     10De aver fioli da un fonte
     Degno de la Republica Romana,
     De aver dei Fabii, dei Scipioni, e Regoli,
     E no, come tra nu, certi petegoli.
     Da qualche tempo in qua
     15In parte s'à introdoto
     Sto esempio in stà Cità.
     Se fa de le imprestanze,
     O piutosto dei stochi e de le usure.
     Perchè po' i fioli resta, o tristi, o boni
     20Ai Siori Ortensi no, bensì ai Catoni.


ALL'AMICO LIARCA.


Nel vastissimo Impero de la China,
     Dove Legislator xe stà Confucio,
     Questo à fato una Lege
     Che in gran parte corege
     5Quel maledeto vizio che à la Dona
     De presto o tardi far
     I corni ne l'amar,
     La vol, che quando una,
     Sia rea d'infedeltà
     10Subito a questa el naso sia tagià.
     Se una tal Lege ancora
     Fusse agionta al Statuto Venezian,
     Disème, Liarca mio, fra tante e tante
     Che sente o finge, ma che sempre ostenta
     15Le calde de l'amor gran smanie e pizze,
     Quante e quante saria le nostre schizze?

IL MAL COSTUME IN VENEZIA
SONETTO.


Sordo come che son ziro e spassiso
     Osservando el moral de sta Venezia.
     Più ch'l spirito vedo assae l'inezia;
     4Più che saviezza vedo chiasso e riso;

Vedo l'omo d'onor squalido e sbriso;
     Vedo el doto giazzà più de la Svezia;
     Vedo patria e virtù tuto in facezia;
     8Vedo Caton, ma lo vedo deriso;

Vedo qualche Lugrezia che consola;
     Vedo Livia e Pompea sempre afolada:
     11E vedo quela col bel Silvio sola;

Vedo arti e comercio zo de strada;
     Vedo lusso, superbia, ozio e gola...
     14Ah! Venezia d'un dì dov'estu andada?


SULLE REGOLAZIONI DELLE FRATERIE
SONETTO.


Co i fioli de Giacobe, el seme eleto,
    In la Tera i xe entrai de promission,
    Alora Giosuè la soa porzion
    4A ognun el ga assegnà su quel distreto.

El solo Levi, per Divin preceto,
    No l'è sta amesso in quela division,
    Perchè lu (scomenzando insin da Aron)
    8Al sacro Ministero el gera eleto.

Quanto a Levi, el Signor à comandà,
    Che 'l Sacerdozio viva de l'Altar,
    11Za che a servir l'Altar l'è stà chiamà.

Levi mo ancuo più no volendo star
    A quela lege che 'l Signor ga dà
    14I so fradeli el gera drio a spogiar;
                                E se Dio, che sa far,
    Qua no mandava quatro Giosuè
    17In tuto lu dirave: Ora pro me.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_di_poesie_in_dialetto_veneziano_1845.djvu/131&oldid=68468"