I ultimi molini

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
←  La vendemia dopo el Rosario Edission e fonte ▼ La spesa in piassa de le Erbe  →
[p. 187 modifica]
I ULTIMI MOLINI
[p. 188 modifica]


NOTA


Per decreto comunale i molini natanti, che esistevano lungo il corso del fiume Adige in città non possono essere più riparati nè rinnovati per qualsiasi infortunio, dato che in caso di piena presentavano, se travolti, un serio pericolo per i ponti. Così sono destinati a sparire anche gli ultimi ed accigliati molini superstiti della Campagnola in Borgo Trento, a monte del ponte Garibaldi.

*
* *

Palazzo Ottolini — Della II metà del secolo XVI con grandioso portone e maestosa facciata anche sull'Adige.




[p. 189 modifica]
I ULTIMI MOLINI1


A TINA


L'era una note de quei giorni caldi
par San Martin ne la seconda istà,
quando fora dal ponte Garibaldi
4pianin, bel belo, me son via incantà

girandolando zò par Campagnola,
dove se impegna i ultimi molini:
«Adio veci e onorati çitadini,
8quanto staremo a far la scapriola?»

[p. 190 modifica]


El più negro de lori el m'à risposto
rodolando le màsene2 a la granda:
«Che colpa ghe n'òi mi se ci comanda
12no sempre el g'à le so fassine a posto?»3

L'Adese, che el colava fra le pale
de le verghe de argento — co un scurlon,4
comodandose i veci su le spale,
16Ah! — l'à dito: L'è proprio una passion!


*
* *

 
Gh'era la luna! — Che, a star casa questa
manca la prima dona de la s-cena;
la g'avea i oci inçercoladi in testa
20e el solito facion de luna piena,
 
col naso schisso e 'na siera stupenda
da sfigurar qualunque sia lampion,
che se vedea i morosi a far marenda
24de basi — su quel altro muralion!

[p. 191 modifica]


I brassini infassà dei persegari5
me segna el casamento de Otolini,
quel bel palasso dove gh'è i to stari,6
28cargo de colonati e de slusini.7

E in quel'ora de incanto, chieta, chieta
del me rosario desfilando i grani,
te me sì vegnù in mente a tri quatr'ani
32quando te me disei: Canta poeta!...

«Canta, canta poeta!» O Tina cara,
te silabavi in quela santa età,
e mi tolendo in man la me chitara8
36so andà cantando via par le çità!
 
Ma adesso che un bisogno de riposo
de campagna e de sol se fa sentir,
ti te te buti in brasso del to sposo
40e mi me sento un pochetin morir.

[p. 192 modifica]


E con più va lontan quela parola
«Canta poeta» e la se perde in zò...
Quanto staremo a far la scapriola,
44me çiga i veci saludadi ancò...!?

E l'Adese, che vien da Castelvecio,
quasi cantando in libero trentin:
guarda che luna, toi, voltete al specio,
48che la vita l'è tuta un gran molin!



Note a cura de l'autor
  1. Per nozze Ernesto Udine e Tina Pizzamiglio — Verona, Marzo 1919.
  2. màsene: macine
  3. Nel senso di non aver la testa a posto.
  4. scurlon: scrollata
  5. Gli alberi del pesco in inverno sono fasciati di paglia per proteggerli dai rigori del freddo.
  6. stari: abitazione
  7. slusini: luccicori delle vetrate
  8. Chitara: per lira. — L'A. allude ai suoi pellegrinaggi poetici.