Pagina:I sogni.djvu/193

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
100 percent.svg
Sta pagina la xe stà trascrita e rileta.



I brassini infassà dei persegari1
me segna el casamento de Otolini,
quel bel palasso dove gh'è i to stari,2
28cargo de colonati e de slusini.3

E in quel'ora de incanto, chieta, chieta
del me rosario desfilando i grani,
te me sì vegnù in mente a tri quatr'ani
32quando te me disei: Canta poeta!...

«Canta, canta poeta!» O Tina cara,
te silabavi in quela santa età,
e mi tolendo in man la me chitara4
36so andà cantando via par le çità!

Ma adesso che un bisogno de riposo
de campagna e de sol se fa sentir,
ti te te buti in brasso del to sposo
40e mi me sento un pochetin morir.

  1. Gli alberi del pesco in inverno sono fasciati di paglia per proteggerli dai rigori del freddo.
  2. stari: abitazione
  3. slusini: luccicori delle vetrate
  4. Chitara: per lira. — L'A. allude ai suoi pellegrinaggi poetici.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:I_sogni.djvu/193&oldid=66604"