I promessi sposi

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
I promessi sposi
XX secolo
Edission e fonte ▼
[p. 83 modifica]
I PROMESSI SPOSI.


— Oh bongiorno, signora; come va?
― Xe tanto tempo che no se vedemo.
— Xe 'na combinazion che se incontremo,
Perchè mia fia se sposa; no la sa?

— Noi no savemo gnente, no savemo.
Ma la me conti un poco; cossa 'l fa?
Chi 'l xe? la conti suso!1 — In verità
Xe proprio un gran partito, e ciò, speremo..

Un giovine modelo, de giudizio,
Pien de talento, bona posizion,
E po, coto, ma coto, cara mia!...

Ma lu no 'l ga un difeto, no 'l ga un vizio,
E bon che no ghe digo; massa bon;2
Mi son più inamorada de mia fia.

[p. 84 modifica]


II.

(Otto giorni dopo).


— Ciò, co se disi le combinazion;
Adesso se incontremo ogni momento.
— Ben, la me conti un pochetin, che sento,
Coi sposi, no se parla, va benon?

— Se la vol che ghe digo, el xe un tormento;
Per ogni picolezza xe un muson,
El la cruzia3 che proprio fa passion;
El xe geloso, no 'l xe mai contento.

— Oh coss'che la me conta; ma, la sa,
Se go de dirghe tuto, go sentì,
De certe informazìon che i me ga dà;

Gnente de tal4 insoma! — Go capì;
Meio che la lo lassi in verità,..
— Ma se xe quel che ghe disevo mi!



Note
  1. la conti suso, suvvia, ci racconti
  2. massa bon, troppo buono.
  3. el la cruzia, la cruccia, la tormenta
  4. gnente de tal, espressione caratteristica del dialetto triestino per significare: niente di importante, nulla di speciale, nulla di straordinario.