Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/36

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 42 modifica]A dì diexedotto pur de questo mexe de mazo de note, turchi fabricò uno beletisimo bastion per el muodo come qua de soto intenderè a che muodo che il fexe questa note. Questi turchi, tuta questa note se messe a lavorar con una gran moltitudine de turchi, e fabricò in questa medema note uno bastion, il qual si era a oro1 di fossi, e vignia a soperchiar le mure di barbacani, e iera questo bastion per mezo uno luogo chiamado la Cresca. Questo bastion si iera sì fatamente fato, che non iera homo, (che) el podesse creder al muodo el iera conditionado, e mai da mò pagan non fexe si fata cosa, e sì bel artifitio. Ancora digo, si tuti li cristiani de Costantinopoli, avesse voiudo far sì fatta cossa, non l'averia posudo far in un mexe, e costui el fexe in una sola note. Questo notabile bastion si iera passa diexe luntan da le mure maistre de la tera, e suxo queste mure ne convegnia star asai zente armada per dubito de questo bastion, e perchè diga che el fose fato in una note, ma ve digo, che el fo fato in manco de ore quatro; il fexe sì tosto, che queli de le mure, che vardava quela posta non se ne potè acorzer de questo fabricar, salvo che la matina il vete fato, et ave una granda paura de sì fatta cossa, e visto, examinado questo mirabel inzegno, subito i andò a dirlo al serenissimo imperador, come s'era fabricà questa cossa. Subito l'imperador si se mosse con tuta la sua baronia, e vene a veder questa mirabel cossa, e quando i l'ave visto, tuti si romaxe come morti, dubitando de paura, sì come con efeto intravene, che sempre i dubitava che questo bastion non fosse caxon de far perdere la tera per soperchiar2 i barbacani. — [p. 43 modifica]

El dito bastion, si iera come aldirete. Prima quelo si iera de legnami forti, e investido tuto atorno de cuori de gambelo3, e cusì si iera el suo cuverto, e dentro iera fina a la mitade pien de tera, e cussì ierelo de fuora via, fina a la mitade pien de tera per muodo, che bota de bombarda, ni scopeto non li podeva nuoxer, ni vereton, et avea messo de fuora via e de sora per tuto, gradizi, i qual si steva de sora le pele di gambeli, et avea ancora fato una strada, che andava al campo, ben mezo mio de longo, comenzando dal bastion, da uno ladi e da l'altro, e de sora si iera gradizi dopii, e de sora via si iera pele de gambeli, per muodo che i podeva andar dal bastion al campo de soto via al cuverto, che niuno non i podea nuoxer, ni de scopeto, ni de vereton, ni ancora bombarda pizola; e i turchi che iera dentro dal bastion si cavava de la tera, e butava dentro dai fossi, e vegnivei a terare4; in tanto aterar che i fexe, i vene a soperchiar le mure di barbacani, e questo bastion si dè uno gran aiuto a turchi de aver questa zitade, sì come intravene. Turchi del campo abiando fato questo bastion sì mirabele, e abiando aterado tuto el fosso, dove che iera el defitio, se tene esser loro avenzadori, sì che per questo zorno altro non seguì, ni da tera dì e la note, nì da mar. Ben è vero, che turchi buttà in questo dì assai freze dentro da la tera, dal luogo che iera el bastion; quaxi i treva per una alegreza del campo, e i nostri tuti si romaxe forte melinconichi da paura.



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. orlo.
  2. come quello che soperchiava etc.
  3. camello.
  4. e mano a mano li andavano colmando di terra
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/36&oldid=41766"