Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/35

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 41 modifica]A dì diexe sete pur de mazo, a hore vinti tre vene cinque fuste fina a la cadena del porto, per veder come feva la nostra armada a la cadena, e come quela si steva in ordene, et anche per veder, si nui avevemo paura di lor; e come i nostri si vete vignir queste cinque fuste verso la cadena, de boto queli de le nave si comenzò a deserar [p. 42 modifica]bombarde verso a quele fuste; fra queli de Costantinopoli, e de le nave, e de le galie, tuti unidi, in una bota i disserò più de setanta bombardele, ma per la mala ventura, nissuna de quele non dè in niuna fusta de quele, e queste fuste de turchi, vedando questo tanto bombardar, se deliberò, e andò verso la sua armada, che iera sorta a le colone, e lì referì al suo capetanio quelo che i vete de la nostra armada, e stete da può i turchi con grando spavento de nui da mar. Per questo zorno non seguì altro da mar, da tera bombarde assai, e fo ancora uno puoco de scaramuza, ma gnente non fo da conto, salvo che tuti de la tera si steva cun gran spavento, aspetando de zorno in zorno la bataia zeneral, per la qual bataia veramente tuti se dà ad intender de esser schiavi del turco, come per esperienza è stado.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/35&oldid=41765"