Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.

[p. 40 modifica]A dì sedexe pur de questo mexe de mazo zerca a hore vintido, el vene alguni bregantini de turchi, i qual se partì da la sua armada, che iera a le colone, e questi tal bregantini de turchi si vene a vuoga batuda per infina a la cadena del porto, e nui cristiani che ieremo a la cadena stevemo aspetar queli con gran apiaxer, pensando che i fosse cristiani che scampasse da l'armada del turco, e che volesse vignir da nui per più segurtà; e come i diti bregantini fo arente la cadena del porto, i scozò algune bombardele verso le nave che steva a la cadena, e nui da mar, quando che vedessemo questa cosa fatta fentizamente, deliberassemo de dare driedo cun nostri bregantini; e come turchi si vete, che i nostri i deva driedo, i se mise a scampar via, e i nostri pur dagandoi1 la fuga, intanto che2 queli fo azonti, e azufosse [p. 41 modifica]insembre con i diti turchi, ma turchi si fo presti, e dè a remi, e scampò a la sua armada, e i nostri vene dentro da la cadena del porto, e altro da questo zorno non seguì da mar. —

In questo zorno de sedexe mazo, da tera si seguì questo soto scrito. — Turchi si avea fabricada una cava3 per vignir dentro de soto via le mure, e fola trovada in questo zorno questa tal cava; turchi si comenzò a cavarla ben mio mezo luntan da le mure, e vignia a vegnir de soto via le fondamente de la tera, ma i nostri de la tera, sentì la note a romper, zoè a cavar questa cava, che zà i avea passado le fondamente de le mure, e de prexente come fo sentido a romper, subito lo mega duca si fexe asaver questa cossa al serenisimo imperador, e a lui fo narada la condition de questa cava, meraveiandose forte l'imperador de questa cosa; ma el serenisimo imperador, prestamente si fexe far bone provixion de questa cava. Subito fo mandà a cercar per tuta la tera tuti i maistri che fea cave soto tera; trovado che fo i maistri, quali prestamente fo mandadi dal mega duca, e lì el dito mega duca si fexe cavar a questi maistri una cava dentro da la tera, la qual vignia a trovar quela del turco, e scontrosse cava con cava per modo, che la nostra si trova la soa, e i nostri si fo presti, subito caza fuogo in la sua, e vene a bruxar tuti i legnami de quela, i qual si iera apuntadi in quela cava, e bruxando i ponteli de quela, la tera vene a cazer zoxo, e vene a sofegar tuti i turchi, li qual si iera soto questa cava, over queli si se bruxava in nel dar del fuogo. — Questa cava si fo trovada a uno luogo, el qual se chiama la Calegaria, e questo cavar che fexe i turchi in questo luogo si fo perchè lì no ve iera barbacani. Questa cava si fexe gran paura a la tera, dubitando che una note i non desesse4 qualche assalto per queste suo cave, sì che per questo zorno turchi si ave el malano; altro non fo hozi, salvo bombarde assai, segondo uxanza soa, e cridi assai, che parea che l'aiere se aprisse. —



Note a cura de Enrico Cornet (1856)
  1. dando loro.
  2. finattantochè.
  3. mina. Giovanni Grant, tedesco, fu il celebre contraminatore, che tante mine fece sventare ai Turchi, i cui minatori erano Serviani, i più da Novoberda.
  4. dessero.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453/34&oldid=41764"