Pagina:Giornale dell'assedio di Costantinopoli 1453.djvu/34

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


inzegno i vignia bene, i andava traghetando ancora de queste so fuste minor, le qual fuste si iera de banchi quindexe, fina banchi vinti, e anchierrata corrige originale vintido; ma al mundo non è possibel cossa, fosse vista tanta canaja a tirar le predite fuste per sura quela montagna, abiandone tragetà dentro dal porto de Costantinopoli ben fuste setantado, e redusele in porto dentro dal navarchio de Pera, e questo perchè lor Turchi avea bona paxe cun Zenovexi. Siando tute setantado fuste in quel mandrachio, lì se fexe forte, le qual fuste si iera ben armade, e ben in ordene de tute cose. —

Vedando queli de la nostra armada queste so fuste, non dubitè che i ave una gran paura, e questo perchè se dubitava, che una note le non fosse vignude assaltar la nostra armada insembre con l'armada che iera a le colone, perchè l'armada nostra si iera dentro de la cadena, e l'armada del Turco si era dentro de la cadena, e de fuora de la cadena, sì che per descrition posè intender, si quela steva con gran pericolo, et anche dubitaemo de fuogo, che i non fosse vignudi a bruxar le nave che steva a la cadena, e per forza tuti nui da mar convegniemo star in arme, zorno e note, e con grandi spaventi de lor Turchi. Ancora nui da mar, per dubito de lor, convegniemo tignir una galia sutil a la punta de Pera per antivarda, che l'armada, che iera a le colone non se movesse, e quando che sta galia vedeva, che l'armada se moveva, de subito la dita galia da la varda, vignia a far asaver al capetanio da mar, el qual si iera misser Alvixe Diedo, e subito tuti si iera a le poste in arme, ma questa cose si intravene poche fiade, perchè lor Turchi se dubitava a vegnir cussì a l'improvixa a la cadena, per tuorse tanta intromission de star a combatter contra tante nostre nave, che steva a la cadena, ma lor Turchi solo si vardava da far qualche assalto de note; ma l'eterno nostro Dio, el quale son mixericordioso di suo cristiani, non volse soffrir tanto mal per quela fiada, anzi ne messe in cuor a nui Cristiani, che i dovesemo nui assaltar lor, come per avanti vederete l'assalto che nui cristiani, fessemo a lor pagani, non restante che el nostro assalto non devignisse a nostro modo. —

A dì vintitre pur de questo mexe de april, l'acade a far presta provixion sopra el fatto de questa armada del Turco, che son traghetada de sora via le montagne, dentro dal porto de Costantinopoli, e però in questo zorno fessemo conseio di dodexe in giexia de santa Maria de Costantinopoli, de dover tuor la intromission de dover andar a bruxar l'armada del Turco, la qual è dentro dal navarchio de Pera. Fo messa la parte, e fola1 prexa, intentando quela parte esser stada

  1. la fu.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Giornale_dell%27assedio_di_Costantinopoli_1453.djvu/34&oldid=62490"