Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 4.djvu/107

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


RICERCA SUFFRAGGIO AL CAZZO MORTO.


SONETTO


El mio povero Cazzo dopo alquante,
    Ch'a sto Mondo l'hà fatto, opere bone,
    E lo puol attestar ste buzarone,
    4Senza de mi l'è morto in un istante.

Donne, preghè per ello tutte quante,
    E diseghe ogni dì delle corone,
    Che v'assicuro, che le vostre Mone
    8Acquisterà delle indulgenze tante.

Vorrìa, che tutte quante le fatture,
    Che lù gà fatto, a coro le cantessi,
    11E tutti i so capricj, e le bravure;

Che sull'arca la Mona ve menessi,
    Perchè, chi sà, che colle sboraure
    14La vita eterna a quello no ghe dessi?

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_4.djvu/107&oldid=60826"