El carneval de Venezia

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
75%.svg
Qualità del testo: sto testo el xe conpleto, ma el gà ancora da vegner rileto.
II. El carneval de Venezia
1886
←  I. Amor ghe vede Edission e fonte ▼ III. Per chiusa de un garanghelo in campagna  →
[p. 23 modifica]
II.


EL CARNEVAL DE VENEZIA
NEL 18671

[p. 25 modifica]

« Sti bacani, sto borezzo,2
Sto sussuro, sto fracasso,
Se el va avanti de sto passo
4Dove valo mo a finir?... »

Cussì dise certa zente
Che de tuto ga paura,
Che par fata da natura
8Per sustar, per brontolar.

Ghe fa spezie a ste marmote
Le gran frache,3 i zapegoni:
I spentoni, i pizzegoni
12Li fa tuti spasemar.

[p. 26 modifica]


Mi, per mi, sto diavolezzo,
Sto morbin, sta confidenza,
Sto trovar una celenza4
16Giusto a brazzo de Arlechin;

Sto tratarse da fradei
Siori, artisti e povareti;
Sto combater de confeti,
20O de scherzi tuto al più:

Sto pensar che ga làoro
Per sti chiassi tanti brazzi,
E che tanti povarazzi
24Se guadagna in fondo el pan:

Mi ste cosse drento via
Me produse un certo efeto....
Mi ste cosse, digo schieto,
28Le me slarga proprio el cuor.

Xe ben vero che a sto mondo
Gh'è qualcossa anca de serio,
E che spesso el desiderio
32Dei bagordi torna zo;

[p. 27 modifica]


Ma mi so che co se canta,
Se lavora più de gusto,
E che l'omo che xe un susto
36Nol fa gnente o nol fa ben;

E po' so che l'omo alegro
Senza falò Dio l'ajuta;
Ma una ciera scura e bruta
40La xe un pessimo segnal.

Dunque alegri! mi concludo,
Che se andemo de sto troto,
E se unisse al chiasso, al moto,
44El bon gusto, e 'l saver far;

Se framezzo a sti bagordi
La prudenza no va via.
Se el bon cuor, la cortesia
48Se fa largo fra el morbin;

Se el morbin no xe una mascara
De stravizi e de pecai:
Se al Signor nol ghe tol mai
52El rispeto che ghe va;

[p. 28 modifica]


Se Venezia se recorda
Che la ga da far ancora,
Per tornar quela Signora
56Che la gera in altri dì;

Se la zente no desmèntega
Nè famegia, nè làoro;
El borezzo xe un tesoro,
60Xe una mana el Carneval.



Note a cura de l'autor
  1. Fra i Carnovali di Venezia dopo l'anno 1866, quello appunto del 1867 fu il più spontaneo e più gajo, e perciò di maggiore buon gusto; e faceva sperare che ne avremmo avuto di poi anco di migliori. Come fortuna va cangiando stile!!!
  2. borezzo — vivacità piacevole, o bizzarria.
  3. fraca — folla, gente pigiata ecc.
  4. celenza — eccellenza in maschera, o come dicesi anche, un lustrissimo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=El_carneval_de_Venezia&oldid=41640"