Pagina:Marco e Tòdaro.djvu/28

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


Mi, per mi, sto diavolezzo,
Sto morbin, sta confidenza,
Sto trovar una celenza1
16Giusto a brazzo de Arlechin;

Sto tratarse da fradei
Siori, artisti e povareti;
Sto combater de confeti,
20O de scherzi tuto al più:

Sto pensar che ga làoro
Per sti chiassi tanti brazzi,
E che tanti povarazzi
24Se guadagna in fondo el pan:

Mi ste cosse drento via
Me produse un certo efeto....
Mi ste cosse, digo schieto,
28Le me slarga proprio el cuor.

Xe ben vero che a sto mondo
Gh'è qualcossa anca de serio,
E che spesso el desiderio
32Dei bagordi torna zo;

  1. celenza — eccellenza in maschera, o come dicesi anche, un lustrissimo.
Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Marco_e_Tòdaro.djvu/28&oldid=63428"