Pagina:Raccolta universale delle opere di Giorgio Baffo 3.djvu/53

Da Wikisource
Jump to navigation Jump to search
75%.svg
Sta pagina la xe stà trascrita, ma la gà ancora da vegner rileta.


L'AUTORE ABBANDONÀ DALLA SO MOROSA.


SONETTO


Donca l'oggetto del mio amor più bello,
    Quella, che hò sospirà per tanti zorni,
    Co se suol dir, me farà addesso i corni,
    4E se farà chiavar da un altro Osello!

Che buzara xe questa, che martello,
    Che provo, quando passo in quei contorni!
    E pur a chi è l'oggetto dei me scorni
    8Bisogna, che ghe fazza de capello.

Mi ho fatto la fadiga, e lù gà el frutto,
    Mi la so Mona no l'ho mai toccada,
    11E lù ghe metterà l'Osello tutto.

Dopo, che mi l'ho tanto coltivada,
    Sto aver pò da restar a muso sutto
    14La xe una gran sentenza buzarada.

Traesto fora da Wikipèdia - L'ençiclopedia łìbara e cołaboradiva in łéngua Vèneta "https://vec.wikisource.org/w/index.php?title=Pagina:Raccolta_universale_delle_opere_di_Giorgio_Baffo_3.djvu/53&oldid=60802"